Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/213


Brighella. La permetta.

Corallina. Andemo, vegnì con mi.

Brighella. La supplico. (vuol badar la mano a Pantalone)

Pantalone. Ande, che el diavolo ve porta.

Corallina. Mo vegnì, destrigheve.

Brighella. Son a ricever le so carissime grazie. Bondì a vussu- strissima. Grazie alla bontà de vussustrissima, me umilio a vussu- strissima. (via)

Pantalone. Tome presto. (a Corallina)

Corallina. Vegno subito. (v/a)

Pantalone. L’ è una cossa che fa venir i moti convulsivi. No se poi star saldi co ste maledette cerimonie. Ma pensemo un poco a Corallina. Per quel che vedo, la me voi ben, e mi ghe ne voggio a eia. Com’ alo da fenir sto negozio ? Oh bella ! Perchè no possio sposarla ? Bisogna mo veder se la me voi ... La xe qua che la torna. Ghe darò una tastadina alla larga.

SCENA III.

Corallina e dello.

Corallina. Son qua. Sìelo maledìo colle so cerimonie.

Pantalone. Corallina cara, tornemo un poco sul nostro proposito. Donca, per quel che sento, vu me volè ben?

Corallina. No vorlo che ghe voggia ben? El xe el mio caro paron.

Pantalone. Ma a vegnir a star con mi solo, via de qua, gh’ ave suggizion.

Corallina. Certo che gh’ho i mi riguardi.

Pantalone. Cossa donca avemio da far?

Corallina. Mi ghe lo lasso pensar a elo.

Pantalone. Cara Corallina, ve voi parlar col cuor in bocca. Sappiè, fìa mia ...