Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/220

210

Corallina. Faremo? Cossa faremo? No vorria chiappar un granzo; no vorria impenirme de belle speranze, e po restar a muso secco. Sior Pantalon par ch’el me voggia ben, ma sti omeni la sa longa, e i vecchi ghe ne sa più dei altri. Mi però no son gonza, credo quel che vedo, e no fazzo castei in aria. Se el dirà dasseno, anca mi farò pulito con elo. Se no, gh’ho tanto da banda che basta per maridarme con qualchedun da par mio: la saria bella che in sie anni che servo e che manizzo, no m’avesse fatto la dota. Gh’ho anca mi i me grumetti. Gh’ho le mie pezzette con dentro dei tràiri, delle lirazze e qualche zecchinetto. Se el patron me sposa, la sarà roba soa, se el me lassa, poderè dir che me l’ho guadagnada colle mie fadighe.

SCENA VII.
Arlecchino e detta.

Arlecchino. Siora Corallina, me consolo infinitamente?

Corallina. De cossa?

Arlecchino. Ancuo disnemo insieme.

Corallina. Per che rason?

Arlecchino. El padron el farà l’onor al sior Pantalon de vegnir a disnar con elo, e mi, come membro del padron, vegnirò a disnar con ela.

Corallina. Me ne consolo infinitamente. Lo salo el mio paron che vien sior Ottavio?

Arlecchino. El lo sa sicuro; el vien per farghe onor.

Corallina. E che boccon d’onor!

Arlecchino. Lu onorerà la sala, e mi onorerò la cusina.

Corallina. Benissimo. Ghe xe dei altri forastieri, staremo allegramente.

Arlecchino. Me despiase che gh’è una difficoltà, che no so se el padron poderà vegnir. Ma n’importa, se nol vegnirà lu, in ogni cas vegnirò po mi.

Corallina. Che difficoltà porlo aver?

Arlecchino. Ve lo dirò in confidenza: ma che nissun sappia gnente.