Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/219


209


spua grandezze da tutte le bande. Ma pussibile che mia fia sia innamorada in quel marzocco, e che l’abbia ricevesto un anello! Me chiarirò, e se la xe cussi, me destrigo, ghe la petto con poca dota. Ma vorria fenir sto discorso con Corallina. Maledetta sta porta! La vôi serrar, e vegna chi sa vegnir, no averzo a nissun.

SCENA VI.
Corallina e detto.

Corallina. Sior paron ...

Pantalone. Oh, vegnì qua. Fenimo el nostro descorso.

Corallina. No la sa?

Pantalone. Cossa?

Corallina. Xe arriva forestieri.

Pantalone. Chi xe arriva?

Corallina. Sior Florindo.

Pantalone. Oh poveretto mi! Dove xelo?

Corallina. L’ha domandà de siora Beatrice, e l’è desmontà.

Pantalone. Co sta franchezza? In casa mia?

Corallina. La vede ben. In campagna se usa cussì.

Pantalone. E mia fia dove xela?

Corallina. In te la so camera.

Pantalone. Gh’ala parlà?

Corallina. Mi no credo.

Pantalone. Sia maledetto sta usanza, no la posso più sopportar. Vien chi vol, i fa quel che i vol: in casa mia no son paron mi. Cossa vorlo sto sior? Cossa xelo vegnù a far? Anderò mi a dirghe le parole. Cossa gh’intra sta siora Beatrice a far da patrona in casa mia? Xela fursi vegnua a posta a batter el canaffio1 a mia fia? No la sarave la prima, che per amicizia fa sto bel mistier. Via de qua; via da sti lioghi; via da sta soggizion. Corallina, se parleremo, resolveremo, anderemo. Voggième ben, e no ve dubitè, che qualcossa faremo. (via)

  1. Fare il mezzano: v. vol. II, pagg. 121, n. a e 328, n. c.