Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/210

200


la posso più sopportar. No se pol dormir la mattina quanto se vol, perchè vien zente e bisogna levarse; no se pol star despoggi, perchè chi va e chi vien, e bisogna vestirse; bisogna magnar in suggizion, zogar co no se ghe n’ha voggia, cenar tardi, andar in letto a strasore1, e spender, e rovinarse per complimento. Vegno vecchio, no son più bon per ste cosse. Cognosso che se spende e se s’incomoda, e po se se fa burlar, che quei istessi che magna, xe i primi a criticar. Onde ho risolto de lassar sto liogo, de tirarme lontan, e de viver colla mia libertà. Cossa diseu. Corallina? Me conseggieu de farlo? Approveu col vostro giudizio sta mia risoluzion?

Corallina. Caro sior paron, no so cossa dir. El pensa ben, el la descorre ben, e per lu el farà ben; ma per mi, poverazza... Basta, el cielo me provederà.

Pantalone. Per che cossa diseu cussi? Gh’aveu paura che ve abbandona? Gnanca per insogno. Vegnirè con mi, starè con mi.

Corallina. Oh, el vede ben... Cossa vorlo che diga la zente?... Qua son cognossua. Stago con ela, ma gh’ho i mi parenti qua vesini. Una putta ... lontana dai sói ... con un paron che no xe tanto vecchio ...

Pantalone. Certo disè ben; se fusse vecchio assae, la zente no poderia sospettar ... Ma finalmente ghe xe mia fia.

Corallina. M’immagino che el la vorrà maridar?

Pantalone. Seguro che bisognerà che la marida.

Corallina. E allora resteressimo in casa nu do soli? Oh poveretta mi, cossa vorìela che disesse el mondo?

Pantalone. Donca co mi no volè vegnir?

Corallina. No vôi vegnir? ... Caro sior patron, se el me lassa, in verità ... ho paura d’aver da morir. (piangendo)

Pantalone. Mo via, per cossa pianzeu? V’ho dito che no ve abbandonerò.

Corallina. Son stada arlevada in casa soa; me par ch’el sia mio pare.

Pantalone. E mi ve tegno in conto de fia, e vegnirè con mi.

  1. A ora tarda, fuori del consueto: v. Boerio.