Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/222

212


pegna qualcos’alter. Bisogna mo saver che l’osto che l’ha la so velada, vol i so quattrini, e nol vol altra roba.

Corallina. Che el trova qualchedun altro che ghe daga i bezzi.

Arlecchino. Bravissima. Oh che donna! Chi crederessi mo che se podesse trovar?

Corallina. Mi no so in verità.

Arlecchino. Gnanca mi, da galantomo.

Corallina. Quanti bezzi ghe vol?

Arlecchino. Un felippo1 solo. Un felippo solo.

Corallina. Oh, un felippo no xe una gran cossa.

Arlecchino. Cossa xelo un felippo? giusto gnente.

Corallina. Troverè, troverè.

Arlecchino. Troverò ... Siora Corallina, per sparagnarme i passi e la fadiga ... me faressi vu el servizio de darme sto felippo?

Corallina. Perchè no? Volentiera.

Arlecchino. Oh cara! Oh benedetta! Ho sempre dito che sì una donna de garbo, servizievole e de bon cor. Son qua, deme sto felippo, e comandeme anca a mi.

Corallina. Cossa gh’aveu mo da darme per sicurezza?

Arlecchino. Ah, volì el pegno?

Corallina. Vede ben, caro vecchio, xe giusto che sia segura.

Arlecchino. E credìu mo, che mi volesse el felippo senza darve el pegno? No son miga cussì mamalucco. Tolì, per aiutar el mio padron, no m’importa, anderò senza. Tolì, ve dago in pegno el me cappellin.

Corallina. Sior? Me chiamela? Vegno subito.

Arlecchino. El felippo.

Corallina. No sentì che el paron me chiama? Vegno, vegno. (Oh, no i me cucca). (da sè, via)

Arlecchino. Siora Corallina ... el felippo ... Siora Corallina ... Si, el diavolo la porta. Tolì, la m’ha impiantà come un ravano. Corpo del diavolo! Cossa dirà el me pover padron, se no ghe porto la velada? El m’ha dit inzegnete, bisogna che

  1. Dieci paoli circa: v. vol. I. 481, n. a.