Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/224

214

Arlecchino. A gh’ho ben domandà al candelier sel xe contento, e lu no m’ha dito gnente, onde che el s’ha contentà1.

Pantalone. Credo de sì, che el candelier no te dirà nè sì, nè no. Ma cossa ghe ne volevistu far?

Arlecchino. Se la me promette de perdonarme, ghe dirò tutto. La sappia che voleva impegnarlo per un felippo.

Pantalone. Per un felippo? Da che farghene?

Arlecchino. Per despegnar una velada al padron, che ha da vegnir a disnar con ela sta mattina, e nol gh’ha altro da metterse che la spolverina.

Pantalone. (Poverazzo! Me fa pecca el so paron, e ammiro la semplicità e el bon cuor del servitor). (da sè) Tiò, questo xe un felippo, e va a squoder la velada del to paron, ma no ghe dir da chi ti l’abbia avudo, che no voggio gramazzo che el s’arrossissa.

Arlecchino. Oh che caro sior Pantalon, la me fa ben un gran servizi, ma no vôi ch’el sia con so descapito. Lu tegna saldo, che ghe lasso in pegno sto cappellin.

Pantalone. Ah, ti me lassi sto boccon de pegno in le2 man?

Arlecchino. Sior sì. Za, anca se portava via el candelier, ghe lo lassava qua per sicurezza.

Pantalone. Povero baban! Tiò, tiò, (gli mette il cappello) va a far i fatti tói col felippo, e portete via el to cappello.

Arlecchino. Si tutti fasesse cussi, quanti ghe ne saria che impegneria le velade. (via)

Pantalone. Gran brutto muso che gh’ha la miseria. Xe vero che no merita compassion chi xe miserabile per rason dei vizi, e molto manco chi xe povero e superbo come sto sior Ottavio. Ma bisogna compatir i difetti dei altri, per meritar che sia compatidi anca i nostri, perchè tutti gh’avemo la nostra parte, e no bisogna farse maravegia, e no bisogna burlar nissun. Anca mi in sta etae gh’ho el mio vovetto3. Son innamorà co fa un bisso, e voggio presto presto ... Ma prima destrighemo sta putta.

  1. Così il testo. Forse onde ho credesto che ecc.
  2. Per in te le
  3. Da vovo, uovo; qui capriccio, grillo, estro.