Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/211


Corallina. Lu el me tegnirave per fia, ma la zente dina che el me tien per qualcoss’ altro.

Pantalone. Lasse che i diga.

Corallina. Certo ! lasse che i diga ? El bel ben ch’ el me voi ! No ghe preme la mia riputazion? Co no ghe importa che la zente diga, ho paura che el gh’ abbia qualche segondo fin. El me voi tirar alla lontana? Oh, no ghe vegno assolutamente.

Pantalone. Pazenzia, se no vorrè vegmr ... No so cossa dir. Ghe vorrà pazenzia.

Corallina. Donca el me lasserà?

Pantalone. Za vedo che poco v’ importa dei fatti mii. Gh’ avere qualche genietto in sti contorni ; questo xe quello che ve de- spiaserà de lassar.

Corallina. Se gh’ho morosi, che el diavolo me porta. Se ghe penso de nissun, prego el cielo ... Ma a pian co sto zurar, pur troppo penso a una persona che me sta sul cuor.

Pantalone. Sì ah? Brava! Eh za, me l’immaginava. Se poi saver chi xe sto bel suggetto?

Corallina. Mi ghe lo dirave ... Ma ...

Pantalone. Via, via, disemelo : tanto fa, vede.

Corallina. Che ghel diga?

Pantalone. Sì, disemelo. Chi xelo?

Corallina. El mio caro paron.

Pantalone. Mi, cara?

Corallina. Sior sì.

Pantalone. Mi, colonna?

Corallina. Sior sì ... e lu ... me vuol lassar ...

Pantalone. Lassarve ? No, Corallina ... Sentì ... Anzi ve voleva parlar, e sappiè, fia mia ...

SCENA li.

Brighella e detti. BriGHEIìA. Con grazia, se poi vegnir ?

Pantalone. (Oh maledetto costù). (da sé)

Corallina. Vegnì avanti, cossa voleu ?