Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/223


213


m’inzegna. Gh’ho dito, se sgrafignasse? El m’ha dito inzegnete. Diavolo, se savesse come far. Zitto. Coss’è sta roba? (guarda qua e là, e vede i candelieri d’argento) Questo l’è arzento . Se portas un de sti candelieri all’osto? Credemo che el me das la velada? Oh, sior sì! Donca bisogna torlo. Se m’ho da inzegnar, questa l’è l’occasion. Ma l’oi da robar? Sior no, l’ho da tor in prestido. E lo torrò in prestido senza pegno? Sior no, vôi lassarghe el pegno. Sior taolin, me imprestela sto candelier? Sì? grazie. La vôi el pegno? La gh’ha rason. Ghe lasso el me cappellin. Cussì fa i omeni d’onor. No i roba, no i tol in prestido senza pegno. Son un galantomo. Porto via el candelier, ma ghe lasso el me cappellin.

SCENA VIII.
Pantalone e detto.

Pantalone. (Da sè) Anca questa xe bella. La mia casa debotto la xe deventada la casa del comun. (osserva Arlecchino) Cossa fa sto giazzao1 qua?

Arlecchino. (Vede Pantalone) Uh poveret mi. (vuol nascondere il candeliere)

Pantalone. Oe galantomo, cossa gh’aveu là?

Arlecchino. Eh gnente, guardava se gh’aveva della roba che m’ha dà el padron.

Pantalone. (Gli trova il candeliere) Ah, xela questa la roba che v’ha dà el vostro padron? Sier poco de bon. Cussì se mette le man in la roba dei altri?

Arlecchino. La me compatissa, per amor del cielo, che nol portava via miga per torghelo.

Pantalone. Mo perchè lo tolevi donca?

Arlecchino. Lo voleva in prestio.

Pantalone. La roba in prestio, se domanda.

Arlecchino. Mo ghe l’ho domandà.

Pantalone. A chi? a mi no certo che son el paron.

  1. Uomo senza quattrini: v. Boerio.