Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/209


199


ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Altra camera.
Pantalone, poi Corallina.

Pantalone. Una gran cossa xe questa, che no se possa a sto mondo viver a modo soo, ma che s’abbia da far squasi sempre a modo dei altri. Vegno in campagna per goder un poco de libertà; se me cazza in casa della zente per forza. Vegno in campagna per devertir mia fia; e per causa d’un matto bisogna che la tegna serrada. Vegno in campagna per scoverzer el mio cuor alla mia cara Corallina; e a mala pena gh’ho podesto parlar. Bisognerà po che risolva de far quel che tante volte ho proposto, e non ho mai risolto. Bisognerà che vaga a star in fra terra in t’un liogo lontan, fora dei strepiti. Là nissun me vegnirà a romper le tavernelle. E Corallina? Corallina vegnirà con mi. Vela qua che la vien. Vardè che tocco, vardè che zoggia; mo no fala cascar el cuor?

Corallina. Cosse, sior patron, cossa gh’oio fatto? Nol me voi più ben?

Pantalone. Per cossa, fìa mia, me diseu cussì?

Corallina. Sta mattina nol m’ha dito gnanca una parola. Son usa che el me chiama in camera, che el me ordina o la chioccolata, o el panimbrodo, per so bontà; femo quattro chiaccolette che me consolo tutta. In verità, no gh’ho altro gusto a sto mondo, che quando stago col mio caro paron.

Pantalone. Anca mi, cara, co son con vu me giubila el cuor. Ma no vedè? Tutta sta mattina forestieri, intrighi, rompimenti de testa.

Corallina. Cossa vorlo far, ghe vol pazenzia. A sto mondo bisogna farse voler ben, far servizio co se pol, e darghene a chi no ghe n’ha.

Pantalone. Tutto va ben. Ma la suggizion de sta terra mi no