Il buon compatriotto/Atto I

Atto I

../Personaggi ../Atto II IncludiIntestazione 2 giugno 2021 100% Da definire

Personaggi Atto II

[p. 345 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA

Campagna col canale della Brenta ed il burchiello di Padova,
alle porte del Moranzan.

Traccagnino e Rosina.

Rosina. Vegnì qua, sior Traccagnin. Fina ch’el burchiello passa le porte del Moranzan1, vegnì qua che gh’ho voggia de parlar un pochetto con vu.

Traccagnino. (Mostra piacere e volontà di parlare con lei.)

Rosina. Per quel che m’avè ditto in burchiello, sè bergamasco.

Traccagnino. (Accorda.)

Rosina. Sappiè, sior Traccagnin, che son bergamasca anca mi.

Traccagnino. (Sì maraviglia, percb’ella ha detto in burchiello d’essere milanese.) [p. 346 modifica]

Rosina. Xe vero: ho ditto che son milanese, perchè son stada a Milan, e perchè gh’ho qualche rason de no far saver a nissun, né chi sia, nè da dove che vegna.

Traccagnino. (La prega di dir a lui chi è, e cosa sia, e dave vada.)

Rosina. Sì, caro sior Traccagnin...

Traccagnino. (Che non gli dia del signore, perchè é un pover’uomo, che va a Venezia per impiegarsi in qualche mestiere, e tentar di far la sua fortuna.)

Rosina. Ve parlo con civiltà, perchè me par che lo meritè. Sè un omo proprio, gh’avè ciera da galantomo.

Traccagnino. (Si pavoneggia.)

Rosina. Son segura che a Venezia farè fortuna: ghe n’è stà tanti altri che xe andai a Venezia in pezo fegura de vu, e i ha fatto dei bezzi, e i xe deventai lustrissimi in poco tempo.

Traccagnino. (Chè farà di tutto per diventar illustrissimo.)

Rosina. Sentì, fio, sora tutto bisogna che ve mette in testa de sparagnar. Sparagnè el soldo, sparagnè el bezzo, e vederè che farè pulito.

Traccagnino. (Che questa parola sparagnar, è la prima che ha imparato da suo padre, da suo nonno, e da tutt’i suoi parenti: che a forza di sparagnar, ha messo insieme cento ducati, e con questi vuol negoziar a Venezia.)

Rosina. Bravo; no passa un anno che i cento ve deventa cento e cinquanta, e po tresento, e po quattrocento, e po mille, e deventarè un dei primi mercanti.

Traccagnino. (Che si contenterà mangiar polenta e bever acqua per far denari.)

Rosina. Basta che no ve inamorè, e che no ve vegna voggia de maridarve.

Traccagnino. (Che non vi è pericolo: che la sua amorosa è il suo interesse, e che penserà a maritarsi quando avrà fatto fortuna, e potrà avere una buona dote.)

Rosina. Bravo; e po i dise che i bergamaschi xe alocchi. Xe alocchi quei che li crede alocchi.

Traccagnino. (Che in quanto a lui non sa niente delle cose del mondo; [p. 347 modifica] che ha imparato un poco a leggere e scrivere, tanto per saper fare una ricevuta, e un poco di conti, per sapere quanto guadagnerà).

Rosina. Sappiè per altro, sior Traccagnin, che se volè che el cielo ve daga fortuna, bisogna che siè amoroso, che siè qualche volta caritatevole. No digo che buttè via el vostro, ma la carità no se perde mai, e se farè ben ai altri, gh’averè del ben anca vu.

Traccagnino. (Che sarà amoroso con tutti, quando non lo tocchino nella scarsella.)

Rosina. Se pol far del ben anca senza incomodar la scarsella.

Traccagnino. (Che senza incomodo della scarsella, farà tutto quello che potrà per il suo prossimo.)

Rosina. E specialmente bisogna, co se pol, far del ben ai so patrioti.

Traccagnino. (Che per i patriotti ha una tenerezza grandissima, e farà loro tutto il ben che potrà, quando non abbia da spendere un soldo.)

Rosina. E per le patriote sareu gnente compassionevole?

Traccagnino. (Anche per esse, quando non abbia da spendere.)

Rosina. Caro sior Traccagnin, mi son una vostra patriota, e gh’ho bisogno grandissimo della vostra assistenza.

Traccagnino. (Che la servirà per tutto, basta che non abbia da spendere.)

Rosina. Per grazia del cielo, per adesso gh’ho el mio bisogno; non intendo d’incomodarve d’un bezzo.

Traccagnino. (Che cosa voglia da lui.)

Rosina. Vede, sior Traccagnin, son sola. Gh’ho bisogno de un poca de compagnia. Vago a Venezia; sola faria una cattiva fegura, me basta che siè con mi, e che stè con mi fina che me riesce una certa cossa, per la qual ho fatto sto viazo.

Traccagnino. (Che starà con lei, ma circa le spese, ognuno penserà per se stesso. Che è galantuomo, che di quello di lei non ne vuole, ma non vi vuol giuntare del suo.)

Rosina. V’ho ditto che no gh’ho bisogno de gnente. Me basta d’aver un omo, d’aver un mio patrioto con mi, che in t’una occasion possa operar per mi, e aiutarme in t’una cossa che me preme quanto la mia vita medesima.

Traccagnino. (Che cosa sia che le preme tanto.) [p. 348 modifica]

Rosina. Ve dirò, ve farò confidenza de tutto. Ma vardè ben no me tradì, no me abbandonè.

Traccagnino. (Che è galantuomo, che non è capace, che è buon compatriotto, e per la patria, salvo l'interesse, s’impegna di far di tutto. ) Rosina. Sappiè donca, sior Traccagnin, che mi son una putta.

Traccagnino. (Fa qualche maraviglia sull' esser ella fanciulla.)

Rosina. Sior sì, la xe come che ve digo. Son senza pare; mia mare, poverazza, xe vecchia; xe qualche anno che nissun me comanda; m’ha sempre piasso la civiltà, la pulizia; m’ha sempre piasso, onestamente per altro, praticar assae, e più coi forestieri che coi bergamaschi. Xe capità a Bergamo un certo sior Ridolfo napolitan; el m’ha piasso, gh’ho fatto l’amor un anno; el m’ha dà parola de torme, e sul più bello el m’ha dà una brava impiantada2. El xe andà via senza dirme gnente. Ho savesto da un so amigo ch’el xe a Venezia. Ho chiappà suso3; gh’ho ditto a mia mare che andava con un’amiga in campagna, e m’ho messo in viazo, e voggio andar a Venezia, e se trovo costù, voggio ch’el me mantegna la parola. Voggio ch’el me sposa, e se nol vorrà, e se el farà el matto, o lo farò cazzar in t’un camerotto4, o ghe cazzerò un cortello in tel stomego, e ghe insegnarò a trattar colle putte da ben, colle bergamasche onorate.

Traccagnino. (Che non vorrebbe entrare in imbroglio, e che avesse da spender quei pochi soldi che ha.)

Rosina. No abbiè paura de gnente. Gh’ho tanto spirito che me basta per salvarme mi, e per liberarve vu d’ogn’intrigo.

Traccagnino. (Che assolutamente non vuole impicci.)

Rosina. Caro sior Traccagnin, no ve domando altro che un poco de compagnia. Se le cosse se imbrogierà, sarè sempre a tempo de poderve cavar. Possibile che gh’abbiè sto cuor de abbandonar una putta, una zovene, una patriota? [p. 349 modifica]

Traccagnino. (Che gli dispiace per esser patriota, e che per tal ragione l'assisterà e starà con lei fino che potrà.)

Rosina. Bravo, sieu benedetto. Me fe crescer tanto de cuor.

Traccagnino. (Che figura ha da fare con lei. Con che titolo ha da stare in sua compagnia.)

Rosina. Circa al titolo ghe pensaremo. Se regolaremo secondo quel che succederà. Intanto ve accetto per amigo, per compagno e per mio tutor.

Traccagnino. (Si trova confuso; poi dimanda chi sia quel Ridolfo che l'ha abbandonata.)

Rosina. Per quel ch’el dise, el xe un cavalier.

Traccagnino. (E ella chi sia, cos’abbia nome, e di qual condizione sia nata.)

Rosina. Ve dirò. Mi gh’ho nome Rosa, e i me dise Rosina. Mio padre giera un bon mulattier, che gh’aveva dei capitali e del credito assae. Son stada fia sola; son stada troppo ben arlevada, e gh’ho delle massime che supera la mia condizion.

Traccagnino. (Che suo padre è stato un pazzo; che se l’avesse allevata alla bergamasca, non avrebbe pensato così, e non le sarebbe accaduto quello che le è accaduto.)

Rosina. Xe vero: gh’ave rason. Ma el mal xe fatto, e se posso, ghe vol remediar. Vegnì a Venezia con mi, assisteme in quel che podè, e v’assicuro che fare un’opera de pietà.

Traccagnino. (Che l'assisterà per l’amor della patria.)

Rosina. Scomenza a vegnir la zente del botteghin5.

Traccagnino. (Che è meglio andare a prender posto in burchiello.)

Rosina. Oh, ghe xe poca zente. Del logo no ghe ne manca.

Traccagnino. (Loda il burchiello, in cui si sta comodi e si spende poco.)

Rosina. Semo anca fortunai, ghe xe sta volta una bonissima compagnia.

Traccagnino. (Esservi quel certo signor Leandro, che dava a lei delle grandi occhiate, e lo vede a venire.)

Rosina. Certo el xe un signor compitissimo. El m’ha fatto un mondo de bone grazie. [p. 350 modifica]

Traccagnino. (Che ella andando a Venezia per trovar l'amante, non dovrebbe far finezze a nessuno.)

Rosina. A trattar ben con tutti, a far ciera a tutti, no ghe xe mal. Anzi, in tel stato che son, gh’ho bisogno d’amici e protettori.

Traccagnino. (Che se ella trova altri amici, non avrà bisogno di lui.)

Rosina. Fazzo più capital de un amigo de cuor, de un mio patrioto, che de tutt’i altri. Stè qua, stè con mi, e feve veder che se con mi.

Traccagnino. (Al signor Leandro che ora viene, cosa dirà ch’egli sia.)

Rosina. Secondo. Ghe dirò quel che me vegnirà in bocca. Nol ne cognosse nissun; ghe dirò de vu e de mi quel che me parerà.

Traccagnino. (Che gli dispiace di quest’impegno, ma che è di buon core e non sa dir di no.)

SCENA II.

Leandro, e detti; poi Pandolfo.

Leandro. Signora, perchè non siete venuta a bevere il caffè al botteghino?

Rosina. L’ho bevuto due volte. Dicono che il caffè dissecca; non vorrei che mi riducesse uno stecco.

Traccagnino. (Riflette che ora parla toscano.)

Leandro. Perchè almeno non ci avete onorati della vostra amabile compagnia?

Rosina. Non vi ho annoiati abbastanza da Padova fin qui? Non ho da infastidirvi sino a Venezia?

Leandro. Siete tanto allegra e gentile, che è una delizia lo star con voi.

Traccagnino. (A piano) Andemo in burchiello.

Rosina. (Co sarà ora, anderemo).

Leandro. È con voi questo giovane?

Rosina. Sì signore, non l’avete veduto in burchiello?

Leandro. Sì, l’ho veduto, ma era da voi lontano, e non lo credeva in compagnia vostra. [p. 351 modifica]

Rosina. Credevate ch’io fossi sola?

Leandro. Per dirla, me ne voleva maravigliare.

Rosina. Sarebbe da ridere che una donna di condizione viaggiasse sola.

Leandro. Scusatemi; il vostro grado si può sapere?

Rosina. Perchè no? Io sono la contessa di Buffalora.

Leandro. (Si conosce dall’aspetto e dal tratto, che è nata nobile).

Traccagnino. (Piano a Rosina: cosa le viene in testa di farsi creder contessa.)

Rosina. (Gh’ho le mie rason; lo fazzo col mio perchè. Secondème, e no dubitè gnente). (a Traccagnino)

Leandro. Quest’uomo, signora Contessa, mi figuro che sarà il vostro servo.

Rosina. Sì certo; è il mio servitore.

Traccagnino. (Tarocca, e dice piano a Rosina, che non vuol passare per servitore.)

Rosina. (Tasè, abbiè pazenzia: za nol ve cognosse; no perdè gnente del vostro).

Traccagnino. (Insiste che non vuole, e scoprirà tutto.)

Rosina. (Tasè, no me ruvinè, no me precepitè. Soffrì per mi e per la patria).

Traccagnino. (Che non vuole far questo disonore ai suoi parenti; che sono cent’anni che fanno a Bergamo i ciabattini, e non vuole passar per un servitore.)

Leandro. E che cos’ha, signora Contessa, il vostro servo, che pare sia infastidito di qualche cosa?

Rosina. Dirò, signore, quando siamo smontati per desinare, egli è restato in burchiello a far la guardia alla roba: s’è addormentato, e non ha mangiato, e ora si lagnava meco che muor di fame.

Traccagnino. (Stupisce del bel talento.)

Leandro. Signora, s’egli si degna, e se voi l’accordate, io ho da soccorrerlo mirabilmente. Non essendo io pratico di questo viaggio, e non sapendo che si pranzasse in buona compagnia, come abbiamo fatto, mi sono a Padova proveduto del [p. 352 modifica]

bisognevole. S’ei si vuol divertire, troverà un sontuoso cappone freddo, un arrosto di vitello tenero come il latte, un pezzo di formaggio di Lodi che è da dipingere, e un fiasco di vino stupendo.

Traccagnino. (Si va commovendo.)

Rosina. (Caro sior Traccagnin, sta sorte de incontri no bisogna lassarli andar). (a Traccagnino)

Traccagnino. (Che anderebbe volentieri, ma non vuol che gli dicano servitore.)

Leandro. Che dice, signora, non vuol andare?

Rosina. Dice, che non sa in Burchiello a chi domandar questa roba.

Leandro. Aspettate, darò ordine al mio servitore. Ehi Pandolfo.

Pandolfo. Comandi?

Leandro. Va qui con quel giovane, che è il servitore di questa signora...

Traccagnino. (Da sè va in collera.)

Leandro. Se poi non vuole, lasci stare.

Rosina. (Cappon rosto, formaggio, la xe una marenda che fa cascar el cuor). (a Traccagnino)

Traccagnino. (Mostra la passione che ha per mangiare.)

Rosina. Signore, ha un po’ di vergogna, ma riceverà le sue grazie.

Leandro. Va dunque con questo giovane, e dagli da mangiar quel che c’è. (a Pandolfo)

Pandolfo. Andiamo, galantuomo, che vi divertirete assai bene.

Traccagnino. (Ha qualche difficoltà, poi si risolve d’andare.)

Pandolfo. Andiamo, che vi terrò compagnia: da buoni amici, da buoni camerata. Sono servitore anch’io, come siete anche voi. (parte per il burchiello)

Traccagnino. (Va in collera che gli ha detto servitore. Vorrebbe andare, non vorrebbe andare. Pensa al cappone, all’arrosto, al formaggio, e risoluto per andar al burchiello.) (parte) [p. 353 modifica]

SCENA III.

Rosina e Leandro.

Leandro. Questo vostro servitore mi pare un uomo particolare.

Rosina. È ammirabile la sua fedeltà. Con altri non mi sarei compromessa d’intraprendere questo viaggio.

Leandro. Venite voi di lontano?

Rosina. Da Milano, signore.

Leandro. Per trattenervi in Venezia?

Rosina. Può essere qualche tempo.

Leandro. Per piacere, o per interessi?

Rosina. E per l’uno e per l’altro.

Leandro. Scusatemi. Siete voi maritata?

Rosina. Sono vedova.

Leandro. In Venezia avete amici, avete parenti?

Rosina. Signor mio garbatissimo, voi m’avete fatto delle belle interrogazioni. Vi siete compiaciuto benignamente di voler saper tutt’i fatti miei; poss’io prendermi la libertà di voler saper qualche cosa di voi?

Leandro. Sì signora, è giustissimo, e vi dirò tutto sinceramente. Io mi chiamo Leandro de’ Bilancioni. Di patria bolognese, ma allevato in Roma. Cittadino di nascita, e non senza qualche favore della fortuna. Mio padre è dottor legale, e sta da molti anni in Venezia, dirigendo gli affari di due de’ nostri patrizi.

Rosina. Siete voi ammogliato?

Leandro. Non lo fui finora: ma si vorrebbe che quanto prima io lo fossi. Mio padre mi chiama in Venezia. So che ha intenzione d’accompagnarmi colla figlia di certo signor Pantalone de’ Bisognosi, mercante. So che ha nome Isabella, so che fu allevata in Livorno. Ma non l’ho veduta, non so chi sia, e non vorrei avere da sagrifìcar a mio padre la mia pace, la mia libertà, il mio cuore.

Rosina. Siete voi nemico del matrimonio?

Leandro. Mi par di no veramente. Ma vorrei che la sposa mia fosse di mio genio. [p. 354 modifica]

Rosina. In questo vi compatisco. Guai a chi lo fa senza amore.

Leandro. Per esser io pienamente contento, bisognerebbe che la sposa mia avesse le amabili qualità che voi possedete.

Rosina. Ah signore, mi fa troppa grazia. (con una riverenza)

Leandro. Mi sarà permesso in Venezia di potervi servire?

Rosina. Perchè no? Mi farà finezza, se verrà a favorirmi.

Leandro. Non son cavaliere; ma ho sempre avuta la sorte di trattar con persone del vostro rango.

Rosina. Ed io non son vaga nè di titoli, nè di grandezze. Mi piacciono le persone colte e gentili, come siete voi.

Leandro. Volesse il cielo, ch’io potessi meritare la grazia vostra!

Rosina. Ma voi andate ora a Venezia, per impegnarvi ad un matrimonio.

Leandro. Non mi ci sono ancora impegnato.

Rosina. Vostro padre vorrà essere da voi obbedito.

Leandro. L’obbedirò fino a un certo segno. Spero ch’ei non vorrà essere con me tiranno.

Rosina. E se la sposa vi piace?

Leandro. È difficile, ora che ho avuta la sorte di star un giorno con voi.

Rosina. Caro signor Leandro, sarei troppo contenta, s’io vi potessi creder sincero.

Leandro. Ah Contessa mia, ve lo giuro. I vostri begli occhi hanno avuto il potere d’incatenarmi in tal modo...

Rosina. È troppo presto, signor Leandro.

Leandro. Amore sa far prodigi. Mi ha incatenato col primo sguardo, e conoscendo che il vostro gentil costume corrisponde alla vostra bellezza...

Rosina. Via, via, basta così. Ho un cuor troppo tenero. Non mi state a dir d’avvantaggio.

Leandro. Abbiate compassione di me.

Rosina. Sono un poco stanca di stare in piedi; andiamo a seder in burchiello, se vi contentate.

Leandro. Vi servirò, se mel permettete. (le offre la mano)

Rosina. La vostra compagnia mi è carissima. [p. 355 modifica]

Leandro. (Finalmente è una dama. Mio padre non ne potrà essere malcontento).

Rosina. (La saria bella che fusse vegnua per Pasquin, e che me toccasse Marforio). (partono per il burchiello)

SCENA IV.

Camera in casa di Pantalone.

Isabella e Brighella; poi un Servitore.

Isabella. No, Brighella: dica quel che vuole mio padre, non sarà mai vero ch’io lasci disporre della mia mano a dispetto del cuore. Ridolfo mi ha innamorata in Livorno, ed ho portato meco lo stesso amore, e son la stessa in Venezia, e lo sarò fin ch’io viva. Vero è che Ridolfo da Livorno partissi tre mesi prima di me, e non ebbi da lui che una lettera sola, ma mi lusingo della sua fedeltà, spero non scorderassi della sua costante Isabella; sa ch’io doveva tornar alla patria per ordine del padre mio, e ogni momento l’aspetto, e mi pare ognor di vederlo.

Brighella. (La consiglia a rassegnarsi al padre. Le dice essere il signor Ridolfo un forastiere che si dice gentiluomo napolitano, ma che non si sa bene chi sia; che è partito da Livorno, e forse si sarà scordato di lei. Che le ha scritto una sola lettera in tre mesi, e che fa male a fidarsi senz’alcun fondamento.)

Isabella. Può essere che Ridolfo m’inganni, ma non lo credo, ed io non voglio essere la prima a mancar di fede. S’egli mi abbandonasse, potrebbe darsi ch’io mi scordassi di lui, ma lo credo difficile. Ho troppo radicata questa passione nel seno. Ridolfo fu il mio primo amore, e sarà l’ultimo probabilmente.

Brighella. (Che se vedrà il signor Leandro, da lui benissimo conosciuto, le piacerà, e sarà contenta.)

Isabella. È difficile che altri possan piacermi coll’immagine di Ridolfo nel cuore impressa.

Brighella. (Mostra dispiacere di questa cosa, perchè essendo egli stato a [p. 356 modifica] Livorno con lei dieci anni, parerà presso il signor Pantalone suo padrone, ch’egli abbia tenuta mano ai di lei amori.

Isabella. Eh no, Brighella, non vi prendete pena di ciò. Sa bene mio padre, che nella casa di mio zio in Livorno, dove fui, posso dire, allevata, si vivea con maggior libertà di quella che si pratica qui in casa nostra. Sarà persuaso ch’io abbia avuto il comodo d’innamorarmi, senza l’aiuto d’un servitore.

Brighella. (Se dunque è disposta a voler palesare a suo padre la sua passione.)

Isabella. Lo farò, quando sarò costretta a doverlo fare.

Brighella. (Che ci pensi prima di farlo.)

Isabella. Ho pensato, ho risolto, e non vi è ragione che mi persuada in contrario.

Brighella. (Dice da sè, che col tempo vuole avvertir Pantalone, per isfuggire il pericolo d essere rimproverato e creduto a parte di questa tresca.)

Isabella.(Non credo mai che Ridolfo sia capace di tradirmi, di abbandonarmi).

Servitore. Xe qua siora Costanza, che vorria reverirla.

Isabella. Qual signora Costanza?

Servitore. Siora Costanza Grassetti.

Isabella. Sì, sì, ora mi sovviene. Era mia amica quand’eravamo in età ancor tenera. È molto, che si ricordi di me. Venga, è padrona. La vedrò assai volentieri.

Servitore. (Parte.)

Isabella. Vi ricordate voi della signora Costanza?

Brighella. (Che se ne ricorda benissimo, e che sa essere stata maritata, e che ora è Vedova.)

Isabella. Mi pare, sì, mi pare ora ricordarmene.

Brighella. (Dice che la signora Costanza si è maritata male, ed ora sta magramente, e dovrebbe ella prendere esempio, e maritarsi con quello che le destina suo padre.)

Isabella. Lasciamo andare questi discorsi. Ecco la signora Costanza. Preparate due sedie.

Brighella. (Prepara le sedie, e va dicendo da sè, che la padrona vuol rovinarsi, che le fanciulle non hanno giudizio, ma che vuol avvisare il padrone.) (parte) [p. 357 modifica]

SCENA V.

Costanza e detta.

Costanza. Patrona, siora Bettina.

Isabella. Serva, signora Costanza.

Costanza. Ben venuta. Quanti anni e quanti mesi che no se vedemo?

Isabella. S’accomodi. Saranno dieci anni che non si vediamo.

Costanza. Se recordela più della so cara amiga? Della so cara Costanza? (siedono)

Isabella. Non vuole che me ne ricordi? Eravamo insieme spessissimo; mi par l’altr’ieri che si passavano insieme i più bei giorni del mondo.

Costanza. Ma! i anni passa. Ela xe qua che la par un fior, e mi poverazza m’ho maridà, son vedua, e gh’ho tanti travaggi che no ghe posso fenir de dir.

Isabella. Mi pare per altro che i travagli non l’abbiano estenuata.

Costanza. Cossa disela? In bon ponto lo possa dir6, con tutte le mie disgrazie me mantegno in ton7.

Isabella. Questo è effetto di mente sana, e di felice temperamento.

Costanza. Mo come che la parla pulito8! Parlela toscana?

Isabella. Per necessità devo parlare toscano. Sono stata dieci anni a Livorno, ed ella sa che da giovanette s’imparan presto le lingue.

Costanza. Le lingue! e nu disemo le lengue. No gh’è miga gran differenza!

Isabella. Finalmente tanto il toscano, quanto il veneziano, sono tutti due linguaggi italiani.

Costanza. Certo, certo, la dise ben. Ma el napolitan nol xe miga Italia, nevvero?

Isabella. Ah sì signora. Anche il napolitano è italiano benissimo. Non lo sa che Napoli è nell’Italia? [p. 358 modifica]

Costanza. Siora sì, ma i gh’ha delle parole che no se capisse.

Isabella. Ha avuto occasione di trattare con dei napolitani?

Costanza. Siora sì, in casa da mi ghe xe giusto adesso un napolitan. Perchè, ghe dirò, m’ho maridà, son restada vedua. Mio mario, poverazzo, i negozi ghe xe andai mal, avemo consumà el meggio e el bon, son restada con poco gnente, e m’inzegno; fitto do camere a persone civili, a persone pulite9, a omeni soli, perchè con donne no me ne voggio intrigar.

Isabella. E adesso ha in casa un napolitano?

Costanza. Siora sì, un napolitan. Ma se la vedesse, un signorazzo che no ghe xe altrettanto, el xe un cavalier, un duca, un prencipe, no so gnente.

Isabella. Se è lecito, come si chiama?

Costanza. El gh’ha nome Ridolfo.

Isabella. Ridolfo! (con ammirazione)

Costanza. Lo cognossela fursi? Cara ela, se l’al cognosse, la me diga chi el xe.

Isabella. Io conosco un napolitano che ha questo nome, ma ve ne ponno esser degli altri. Mi dica il di lui casato.

Costanza. El se chiama, me par... Cicinoccoli, ciciboccoli...

Isabella. Ah sì, vorrà dir Citroccoli.

Costanza. Siora sì. Lo cognossela?

Isabella. Lo conosco. (Felice me! il core mel prediceva).

Costanza. La diga, cara ela, xelo un signor cossedié 10?

Isabella. Cossediè! Che cosa vuol dir cossedié?

Costanza. De diana! La xe pur veneziana anca ela. No la sa cossa che voi dir cossedié?

Isabella. Non me ne ricordo.

Costanza. Che domando se el xe un signor... Come se dise in toscano? Se el xe un signor... se la me capisse, ricco, nobile, galantomo, o se el xe qualche chiancatore, qualche sguagliato; me capissela adesso?

Isabella. Ho capito. [p. 359 modifica]

Costanza. Védela, se anca io so parlar toscano?

Isabella. Posso assicurarvi ch’è un cavaliere il più civile e il più onorato del mondo.

Costanza. Dasseno, dasseno, la me consola. Me pareva de esser segura, ma adesso stago ancora più quieta.

Isabella. E molto ch’egli è in Venezia?

Costanza. Xe debotto un mese.

Isabella.(E non è venuto a trovarmi? Possibile ch’ei non sappia ch’io sono qui?)

Costanza. La diga; l’ala cognossù a Livorno?

Isabella. Colà per l’appunto l’ho conosciuto.

Costanza. Gh’avevelo morose a Livorno?

Isabella. Perchè mi fa ella una simile interrogazione?

Costanza. Perchè, ghe dirò: ghe voggio far una confidenza. El m’ha promesso de sposarme.

Isabella. Come?

Costanza. No la capisse? L’ha promesso de sposarme io.

Isabella. Sposar lei?

Costanza. Mi, io, come che la vol.

Isabella. Signora Costanza, l’amicizia che mi ha conservata per tanti anni, e la confidenza che or usa meco, merita ch’io le parli con eguale sincerità. Sappia dunque che il signor Ridolfo ha data parola in Livorno...

Costanza. A chi? (alzandosi)

Isabella. A me. (alzandosi)

Costanza. Ah cospetto del diavolo. (battendo i piedi)

Isabella. E ho piacere che sia in Venezia; e vedremo s’ei pensa di usarmi una villania, o se la signora Costanza si lusinga senza ragione.

Costanza. Mi no son stramba, e non son una puttela che non sappia el viver del mondo. Ghe digo ch’el m’ha promesso, e che voggio ch’el me mantegna quel che el m’ha ditto.

Isabella. No certo; disingannatevi su questo punto. O Ridolfo sposerà me, o non isposerà nessuna donna di questo mondo... [p. 360 modifica]

Costanza. Oh, in quanto a questo, patrona11, me vien da rider. No la sa chi sia, nè cossa che son bona da far.

Isabella. Le mie ragioni non le cederò a chi che sia.

Costanza. Le so rason no le stimo un figo. Stimo le mie de mi, e me farò far giustizia.

Isabella. Non alzate la voce, signora.

Costanza. Me scaldo, perchè gh’ho rason.

SCENA VI.

Pantalone e dette.

Pantalone. Coss’è sto strepito? Coss’è st’istoria?

Costanza. Sior Pantalon, la reverisso. (sdegnata)

Pantalone. Coss’è, patrona? Con chi la gh’ala? (a Costanza)

Isabella. Niente, niente. Si è alterata per una cosa da niente.

Costanza. Gnente la ghe dise? Mi ghe digo qualcossa, patrona.

Pantalone. Cossa xe sta? Cossa xe successo?

Isabella. (Usate prudenza, signora Costanza). (piano)

Costanza. Cossa vorla che usa prudenza? La doveva usar ela prudenza; e no far l’amor a Livorno con un forestier, e no darghe parola senza saputa de so sior padre.

Pantalone. Coss’è sto negozio?

Isabella. Mi maraviglio di voi...

Costanza. E mi me maraveggio de ela. Che le putte no le ha da far de ste cosse; e mi, co son stada putta, son stada sotto obbedienza, e m’ho maridà co mio padre ha volesto che me marida, e ho tiolto quel mario che el m’ha dà. E adesso son vedua, e sior Ridolfo Gnignizoccoli, Cicciabroccoli, el xe in casa mia, el m’ha dà parola a mi, e el me sposerà mi. Patrona riverita. (Tiò suso12). (parte) [p. 361 modifica]

SCENA VII.

Pantalone e Isabella.

Isabella. (Povera me! ora mi aspetto mille mortificazioni, mille rimproveri).

Pantalone. (Ho scoverto una bella cossa. No credeva mai che custia me fasse una bassetta13 de sta natura).

Isabella. (Negar non posso la verità, e non mi giova nasconderla, avendo in animo di voler sostenerla).

Pantalone. (Me vegneria voggia de chiapparla per el collo e darghene tante fin che la bulega14. Ma no: voggio usar prudenza, voggio provar de venzerla co le bone).

Isabella. (Che mai vuol dire ch’egli non parla! Questo suo silenzio mi fa maggiormente temere).

Pantalone. (Pol esser che fazza più co le bone, che co le cattive. Poi esser che la rason possa più dei manazzi15). Isabella. (chiamandola dolcemente)

Isabella. Signore. (mortificata)

Pantalone. Xe vero quel che ha ditto siora Costanza?

Isabella. Ah signore, vi domando perdono. Pur troppo è la verità. Confesso una colpa commessa, posso dire, senza avvedermene. La libertà che avevasi in casa di mio zio, mi ha fatto conoscere e mi ha permesso trattare un giovane cavaliere. A poco a poco ho concepita per lui della stima. La stima è divenuta amore, e non ho potuto resistere alle sue finezze, e ho acconsentito a promettergli d’esser sua consorte. Conosco ora l’errore, lo detesto, mi pento, e un’altra volta vi domando perdono.

Pantalone. Cara la mia cara fia, ti xe pur una putta de garbo, ti gh’ha giudizio, ti gh’ha del dottorezzo tanto che fa paura, e no ti ha visto, no ti ha pensà, che una putta savia, che una putta civil no pol disponer senza so padre, nè s’ha da impegnar senza dipender dai so maggiori? [p. 362 modifica]

Isabella. Vi giuro, signore, che mille volte ho fatte simili considerazioni, ed altrettante ho risolto di fare il dover mio, e di allontanare da me il pericolo che mi sovrastava; ma, ohimè, ha saputo vincermi con tal arte quell’amabil insidiatore, che non ho potuto resistere alle sue preci, alle sue lusinghe.

Pantalone. Vien qua, sentite qua. Ti sa che te voggio ben. Sentite qua, te digo. (siedono)

Isabella. Voi siete per me amoroso, ed io non merito tanta bontà.

Pantalone. Dime tutto, confìdeme tutta la verità. Che impegni gh’astu co sto sior cavalier?

Isabella. Di dar a lui la mano di sposa, e di non isposare altri che lui.

Pantalone. Aveu fatto scrittura?

Isabella. Non signore; siamo unicamente in parola; ma sapete benissimo che la parola d’una fanciulla d’onore....

Pantalone. Oh siora sì, co se tratta de sta sorte de impegni, se mette in campo la parola d’una fanciulla d’onore. Disème un poco: gh’aveu altro debito che de parole?

Isabella. Non altro.

Pantalone. Se porlo vantar de gnente de vu?

Isabella. In che proposito, signore?

Pantalone. Oh via, no me fe la semplice, e no me oblighè a parlar più chiaro de quel che parlo. Che confidenza gh’aveu dà a sto sior?

Isabella. In questo poi, siate certo che ho usato sempre il più onesto e il più rigoroso contegno.

Pantalone. Benissimo. Co l’è cussì, no gh’avè scrittura, no gh’avè certi impegni, a Livorno gieri in t’una spezie de libertà: qua ghe xe vostro padre; vostro padre ve pol comandar; co mi no voggio, sta gran parola no la podè mantegnir, e sto sior foresto, o per amor o per forza, bisognerà ch’el la tegna16, e ch’el ve lassa in pienissima libertà.

Isabella. Non è possibile; non lo farà mai. [p. 363 modifica]

Pantalone. Lasseme l’impegno a mi; lassè che con elo me destriga mi.

Isabella. Ah signor padre.

Pantalone. Cossa gh’è?

Isabella. Per amor del cielo, non v’irritate.

Pantalone. Poverazza! ghe volè ben, se innamorada, nevvero?

Isabella. Pur troppo son costretta a manifestarvi una tal verità.

Pantalone. (Oh che manazza in tel muso che ghe daria!)

Isabella. (Son nell’impegno, e non mi voglio perdere per viltà).

Pantalone. (Tiremo de longo. No me veggio scaldar el sangue). Diseme, cara fia, seu mo segura che sto sior gh’abbia per vu quell’amor che gh’ave per elo?

Isabella. Non crederei ch’egli mancasse al suo dovere, al suo impegno, alla sua parola.

Pantalone. No aveu sentio quel che ha ditto siora Costanza?

Isabella. Costanza, son degli anni ch’io la conosco, è facile a lusingarsi di tutto senz’alcun fondamento.

Pantalone. E vu con che fondamento ve lusingheu?

Isabella. Con quello della parola datami da un cavalier d’onore.

Pantalone. Ah cara la mia cara fia: ascoltime. Ascolta to padre che te vuol ben, e sia una prova dell’amor che ho per ti, el parlarte che fazzo senza collera, senza caldo, senza criar. Ti te fidi de una parola de un zovene che t’ha promesso. No gh’ho tanti cavei in testa, quanti zoveni ha promesso e ha mancà. Ti disi ch’el xe un cavalier d’onor; ma avanti de assicurarse del carattere vero delle persone, bisogna esperimentarle; se se pol facilmente ingannar, e una putta che no gh’ha esperienza del mondo, xe più soggetta a lassarse burlar. Ti me disi che ti te trovi in debito de mantegnir la parola che tî gh’ha dà. Gh’ho gusto che ti gh’abbi sti boni principi d’onor, de pontualità; ma dime un poco, con chi gh’astu sto debito? Con un zovene che t’ha incantà, o con to padre che t’ha inzenerà? T’ho mandà a Livorno da mio fradelo, per causa delle mie desgrazie, perchè dovendo zirar, per [p. 364 modifica] remetterme, in levante e in ponente, ti fussi ben custodia: ma no gh’ho miga perso sora de ti quell’autorità ch’el cielo m’ha dà sulla mia creatura; e ti savevi che ti gh’avevi to padre al mondo, e senza de lu no ti te poi obligar. Mi t’ho trovà un novizzo che gh’ha tutte le ottime qualità. Zovene, ricco, savio, civil. Cossa vustu de più? So padre xe qua. El putto tarderà poco a arrivar. Ti ’l vederà, ti sarà contenta. Cara la mia fia, cara la mia cara zoggia17: no me dar sto dolor, no me dar sta mortificazion. No me far comparir mi un babuin, no te far creder ti una fraschetta. Se tratta dell’onor too, dell’onor mio, dell’onor della nostra casa. Obbedissi to padre: falo per atto de giustizia, e se la giustizia no te move abbastanza, falo per atto d’amor. Son vecchio, no gh’ho altri al mondo che ti, no me far morir co sta smania, co sto dolor. Movite a compassion: te parlo come che te parlerave un amigo. Ma i altri amici te pol tradir, e un padre parla per ben, desidera unicamente el to ben, e el sarà ve pronto a sparger el sangue per el to ben.

Isabella. Ah signor padre, non ho cuor di resistere alle vostre dolci parole; la bontà con cui mi parlaste, mi ha talmente convinta, che sono pronta a rendervi quella giustizia che meritate.

Pantalone. Distu dasseno, fia mia? (alzandosi con giubilo)

Isabella. Dicolo colla maggior sincerità e colla maggior tenerezza del mondo.

Pantalone. Siestu benedetta! Ti me dà dies’anni de vita. Ti xe el mio cuor, ti xe la mia consolazion. Tutto quel che gh’ho a sto mondo, xe too. Cara la mia zoggia, caro el mio sangue, caro el mio ben. (L’ho indivinada, ho supera co le bone quel che fursi no averave fatto co le cattive. Son contento, son consolà, no so in che mondo che sia). Tiò, che te lo dago de cuor, (parte. Fa il cenno di baciarsi le dita, e inviare il bacio a Isabella). [p. 365 modifica]

Isabella. Son fuor di me. Parmi che il cuore mi rimproveri, e se ne dolga. Ma il padre merita un sacrifizio. Sì, il padre mi ama teneramente, e la natura mi sprona, e la ragion mi consiglia, e la virtù dee vincere la passione. (parte)

Fine dell’Atto Primo.


Note

  1. Sul canale della Brenta, poco lungi da Fusina.
  2. Abbandono: v. Boerio. "Dizion. del dialetto veneziano. Vol. I della presente edizione, p. 453.
  3. Chiappar, pigliare; chiappar su: andar via, battersela: Patriarchi, Vocabolario padovano e veneziano ecc.
  4. Carcere: v. Patriarchi e Boerio.
  5. Piccola bottega da caffè e liquori: v. il principio della scena seconda.
  6. Vedasi più avanti la nota del Goldoni stesso, nel Sior Todero bronlolon, atto I, scena 3.
  7. «Esser in ton, esser fresco e in buono stato, star bene»: Boerio.
  8. Bene.
  9. Persone per bene.
  10. Di garbo, come si deve: vol. II, 501, VIII, 135 ecc.
  11. Detto con ironia.
  12. Togli su, pigliati questa.
  13. Gioco, inganno, mala azione: v. Patriarchi e Boerio.
  14. Bulegar, muoversi appena: voi. VIII, 146 ecc.
  15. Minacce.
  16. Tegnirla, inghiottirla: Patriarchi e Boerio.
  17. Gioia, gioiello.