Utente:OrbiliusMagister/7/Sezioni

TitoloModifica

Antonello da Messina - St Jerome in his study - National Gallery London detail.jpg
Se vuoi iscriviti e impara cosa aggiungere qui. Rispetta le nostre linee di condotta.
Domanda liberamente al Bar o sperimenta nella pagina delle prove.
148.000 149.000 150.000
  Testi 149 013  


Prima colonnaModifica

BibliotecaModifica

Testo in evidenzaModifica

     Open source, software libero e altre libertà    di Carlo Piana (2018)

L’informatica ha completamente rivoluzionato tutti gli aspetti del nostro mondo con una velocità folgorante.

Cinquant’anni fa, la conquista della Luna fu resa possibile da un calcolatore di bordo imbarcato sull’Apollo 11, il cui programma, di circa sessantamila linee, aveva richiesto uno sforzo erculeo da parte di un gruppo di programmatori diretto da Elisabeth Hamilton, e che rappresentava un investimento che alla portata solo delle agenzie statali delle superpotenze dell’epoca.

Oggi, computer il cui sistema operativo conta più di cento di milioni di linee di codice, infinitamente più veloci di quello dell’Apollo 11, e collegati a reti di comunicazione decine di migliaia di volte più rapide di allora, sono diventati talmente banali che li portiamo in tasca, o nelle nostre borsette, e li chiamiamo semplicemente “telefoni”.

Cinquant’anni fa il codice sorgente di un programma informatico era considerato un segreto industriale ed era quasi impossibile accedervi. Oggi, il progetto Software Heritage ha già raccolto il codice sorgente di sessantacinque milioni di progetti software, corrispondente a quasi quattro miliardi di files diversi, e lo rende accessibile per tutti.

Cinquant’anni fa ogni nuovo programma richiedeva un investimento considerevole, riscrivendo praticamente da zero anche le funzioni le più elementari. Oggi praticamente tutte le imprese, dalle grandi alle start-up, si concentrano solo sulle nuove funzionalità, riusando massicciamente librerie e componenti preesistenti, risparmiando tempo e denaro.

CitazioniModifica

I libri ci offrono un godimento molto profondo, ci parlano, ci danno consigli e ci si congiungono, vorrei dire, di una loro viva e penetrante familiarità.

Francesco Petrarca, Epistole familiari

Altre citazioni di Francesco Petrarca su Wikiquote

ProposteModifica

Ti interessa un testo, ma non è presente su Wikisource?
Suggeriscici un libro!
Il canone della letteratura italiana:
per farsi un'idea della biblioteca che vogliamo costruire.

Ricorda che ospitiamo solo libri in pubblico dominio, cioè di autori morti da almeno 70 anni.

Seconda colonnaModifica

LaboratorioModifica

Aiuta Wikisource!
È sufficiente saper leggere
 
La collaborazione del mese propone la rilettura di Maia di Gabriele D'Annunzio.Maiagennaio 2019

In alternativa scegli pure un testo a piacimento da quelli solo da rileggere, o se ti senti più esperto quelli anche da formattare! Qui c'è l'elenco completo.

(Serve un aiutino?)


N.B. La rilettura del mese va rinnovata anche su Wikipedia


RicorrenzeModifica

Ultimi arriviModifica

Oltre WikisourceModifica

Clicca sui logo per conoscere gli altri progetti liberi della Wikimedia Foundation.