Apri il menu principale

Prima colonnaModifica

BibliotecaModifica

Testo in evidenzaModifica

     Esilio    di Ada Negri (1914)

SORELLA ANNA.

Chiama chiama — ed alcun non le risponde —
la Donna prigioniera nella Trappa:
dello spiraglio ai ferri ella s’aggrappa,
livida tra le sparse ciocche bionde:

notte e giorno, alba e vespro, estate e inverno,
chiama ed attende, chiama e spera, chiama
e piange: — taglia l’aria come lama
lo stridor vano del singhiozzo eterno.

“Sorella Anna, tu che insonne vegli
sulla torre più alta, e conti gli astri
e le nuvole in cielo, e i violastri
veli dell’alba cingi a’ tuoi capegli:

se è ver che la Speranza t’assomiglia
e che il tuo sguardo scorge oltre il mistero,
mira se lungi appaia un cavaliero
lanciato a corsa su disciolta briglia.

CitazioniModifica

Le parole sono per i pensieri quel che è l'oro per i diamanti: necessario per metterli in opera, ma ce ne vuol poco.

Voltaire, Le sottisier

Altre citazioni di Voltaire su Wikiquote

ProposteModifica

Ti interessa un testo, ma non è presente su Wikisource?
Suggeriscici un libro!
Il canone della letteratura italiana:
per farsi un'idea della biblioteca che vogliamo costruire.

Ricorda che ospitiamo solo libri in pubblico dominio, cioè di autori morti da almeno 70 anni.

Seconda colonnaModifica

LaboratorioModifica

Aiuta Wikisource!
È sufficiente saper leggere
 
La collaborazione del mese propone la rilettura di Maia di Gabriele D'Annunzio.Maiagennaio 2019

In alternativa scegli pure un testo a piacimento da quelli solo da rileggere, o se ti senti più esperto quelli anche da formattare! Qui c'è l'elenco completo.

(Serve un aiutino?)


N.B. La rilettura del mese va rinnovata anche su Wikipedia


RicorrenzeModifica

Ultimi arriviModifica

Oltre WikisourceModifica

Clicca sui logo per conoscere gli altri progetti liberi della Wikimedia Foundation.