Apri il menu principale

Wikisource:Pagina delle prove

Una sabbionaia con giocattoli

MODIFICA QUESTA PAGINA!

Benvenuti nella pagina delle prove, nota nel gergo dei frequentatori di wiki con il nome inglese di sandbox.

La Sandbox, in italiano sabbionaia, sabbiera o buca della sabbia è, nei parchi giochi, quell'area delimitata e piena di sabbia dove i bimbi giocano con paletta e secchiello.

In senso astratto, su Wikisource la pagina delle prove è una pagina in cui si può operare liberamente per fare delle prove senza timore di commettere danni. Dunque

Effettuate qui le vostre prove!
Potete modificare questa pagina cliccando qui.

La metafora della sabbionaia implica che il vostro esperimento non è destinato a rimanere a lungo nella pagina: essa può essere tranquillamente sovrascritta da altri utenti e cancellata con una certa regolarità.

Se volete sperimentare su una pagina meno precaria della pagina delle prove, considerate l'idea di registrare un nome utente e di utilizzare delle sottopagine come pagine di prova personali.


Visualizza il tuo esperimento con le seguenti interfacce: [Cologne Blue] [Modern] [MonoBook] [Vector] [MinervaNeue]

Test parse templateModifica

Al pianoforte

avz
75%
Titolo
Al pianoforte
Scena unica
Nome e cognome dell'autore
Giuseppe Giacosa
Anno di pubblicazione
1870

Autore:Giuseppe Giacosa

Attività
drammaturgo/scrittore/librettista
Nazionalità
italiano

prova note annidateModifica

Testo principale{{#tag:ref|Nota principale1, con la sua nota annidata, e con una seconda3, con nota annidata

  1. Nota annidata
  2. Nota annidata 2
  3. Nota principale22 nota annidata

Testo principale1, con la sua nota annidata, e con una seconda2 nota annidata

  1. nota principale  1
    1. nota annidata
  2. nota principale2   1
    1. nota annidata2

test wlModifica

Si tratta del noto episodio dell' Amor omnia vicit nelle Georgiche, applicato al bestiame, ove si svolge una lotta furiosa di gelosia fra due tori rivali1. Una scena selvaggia, ma profondamente umana.

Note:

Note

  1. Georg. III, 219 - 241