Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/382


INDICE 379
Novella VII (VIII). — Accorto avedimento di una fantesca a liberare la padrona e l’innamorato di quella da la morte ||
   » 160
Il Bandello al gentilissimo e poeta latino soave e dotto messer Paolo Pansa salute ||
   » 163
Novella Vili (IX). — Romilda duchessa deÌFriuli si innamora di Cancano re de’ bavari che il marito occiso le avea. Si accorda seco di darli la cittá, se la piglia per moglie. Il fine di lei, degno de la sua sfrenata lussuria ||
   » 164
Il Bandello al magnifico ed eccellente dottore di leggi pontificie e cesaree messer Lodovico Dante Alighieri salute ||
   » 169
Novella IX (X). — Alfonso decimo re di Spagna repudia la moglie, non potendo aver figliuoli, e sposa una altra. Ma avanti le nozze la prima moglie si trova gravida, onde Alfonso ripiglia la prima e marita questa seconda nel proprio di lui fratello ||
   » 171
Il Bandello al molto magnifico ed eccellente de la ragione cesarea e pontificia dottore e governatore di Cesena messer Ottonello Pasini salute ||
   » 175
Novella X (XI). — Francesco da Carrara signore di Padoa si innamora di una sua cittadina e la gode. La moglie di Francesco se ne avede e il dice al marito de la innamorata del signore e, con lui accordata, amorosamente si godeno ||
   » 176
Il Bandello al magnifico e valoroso cavaliere il signor Benedetto Mondolfo salute ||
   » 183
Novella XI (XII). — Eccelino primo da Romano, cognominato Balbo, rapisce una giovane promessa a uno suo nipote, onde grandissimi incendi, morti di uomini e roina di molte castella ne seguirono ||
   » 184
II Bandello a l’illustrissimo e riverendissimo signore il signore Federico Sanseverino cardinale de la santa romana Chiesa salute ||
   » 187
Novella XII (XIII). — Cassano re de la Tartaria veggendo uno manifesto miracolo si converte con tutti li suoi a la fede cristiana ||
   » 188
Il Bandello al molto magnifico e dotto messer Francesco Peto fondano salute ||
   » 193
Novella XIII (XIV). — Bella astuzia del duca Galeazzo Sforza a ingannare uno de li suoi consilieri, di cui godeva amorosamente la moglie ||
   » 194
Il Bandello a la illustre e gentilissima eroina la signora Clara Vesconte e Pusterla salute ||
   » 197
Novella XIV (XV). — Uno scolare in uno medesimo tempo in uno ¡stesso letto gode due sue innamorate, e l’una non si accorge de l’altra ||
   » 198