Apri il menu principale
Dante Alighieri

XIII secolo D Indice:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu Poesie letteratura Detto d'Amore Intestazione 22 luglio 2008 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 349 modifica]

DETTO D’AMORE

[p. 351 modifica]





     Amor sí vuole e parli
ch’i’ in ogni guisa parli
e ched i’ faccia un Detto,
che sia per tutto detto
ch’i’ l’aggia ben servito.5
Po’ ch’e’ m’ebbe inservito
e ch’i’ gli feci omaggio,
i’ l’ho tenuto maggio
e terrò giá ma’ sempre;
e questo, fin assempr’è10
a ciascun amoroso,
sin ch’Amor amoroso
no gli sia nella fine,
anzi, ch’e’ metta a fine
ciò ch’e’ disira avere,15
che val me’ ch’altro avere.
Ed egli è sí cortese
che chi gli sta cortese
od a man giunte avante,
esso sí ’l mette avante20
di ciò ched e’ disira,
e di tutto il disir ha.
Amor non vuol logaggio,
ma e’ vuol ben lo gaggio

[p. 352 modifica]

che ’l tu’ cuor si’ a lu’ fermo.25
Allor dice: «I’ t’affermo
di ciò che tu domandi,
sanza che tu don mandi»;
e donati in presente,
sanz’esservi presente30
di fino argento o d’oro.
Per ch’i’ a lui m’adoro
come leal amante.
A lu’ fo graze, amante
quella che d’ogne bene35
è sí guernita bene
che ’n le’ non truov’uon pare.
E quand’ella m’appare
sí grande gioia mi dona,
che lo me’ cor s’adona40
a le’ sempre servire;
e di le’ vo’ serv’ire,
tant’ha in le’ piacimento.
Non so se piacimento
le fia ched i’ la serva: 45
almen può dir che serv’ha,
come ch’i’ poco vaglia.
Amor nessun non vaglia,
ma ciascun vuole ed ama,
chi di lui ben s’inama, 50
e di colu’ fa forza
che ’n compiacer fa forza.
E’ non ha, in nulla, parte
Amor, in nulla part’è
ch’e’ non sia tutto presto55
a fine amante presto.
Cosí sue cose livera
a chi l’amor non livera
e mette pene e ’ntenza
in far sua penetenza, 60

[p. 353 modifica]

tal chente Amor comanda
a chi a lu’ s’accomanda,
e chi la porta in grado
il mette in alto grado
di ciò ched e’ disìa: 65
Per me cotal dí sia!
Per ch’i’ giá non dispero,
ma ciaschedun dí spero
merzé, po’ in su’ travaglio
i’ son sanza travaglio, 70
e sonvi sí legato
ch’i’ non vo’ che Legato
giá mai me ne prosciolga:
se n’ha altri pro’, sciolga!
Ch’i’ vo’ ch’Amor m’alleghi, 75
che che Ragion m’alleghi:
di lei il me’ cor sicur ha,
né piú di lei non cura;
ella si fa diessa:
né fu’ né fia di essa!80
Amor blasma e disfama
e dice ch’e’ diffama,
ma non del mi’, certano;
perch’i’, per le’, certan ho
che ciaschedun s’abatte: 85
me’ che d’Amor s’abatte.
Ed a me dice: «Folle,
perché cosí t’affolle
d’aver tal signoria?
I’ dico, signo ri’ ha90
chi porta su’ suggello.
I’ per me non suggello
della sua ’mprenta breve,
ch’è troppo corta e breve
la gioia e la noia lunga.95
Or taglia geti, e lunga

[p. 354 modifica]

da lui, ch’egli è di parte
che, chi da lu’ si parte,
e’ fugge e sí va via.
Or non tener sua via100
se vuo’ da lu’ campare;
e se non, mal camp’are,
che biado non vi grana,
anzi perde la grana
chiunque la vi getta.105
Per Dio, or te ne getta
di quel falso diletto,
e fa che si’ a diletto
del mi’, ched egli è fine,
che dá gioia sanza fine.110
Lo dio dov’hai credenza
non ti fará credenza
se non come Fortuna.
Tu se’ in gran fortuna
se non prendi buon porto115
per quel ched i’ t’ho porto,
ed a me non t’apprendi
e ’l mi’ sermone apprendi.
Or mi rispondi e dí,
ch’egli è ancor gran dí120
a farmi tua risposta;
ma non mi far ri’ ’sposta
a ciò ch’i’ ho proposato.
Di’ tu, se pro’ posat’ho».
E, quand’i’ ebbi intesa125
Ragion, ch’è stata intesa
a trarmi de la regola
d’Amar, che ’l mondo regola,
i’ le dissi: «Ragione,
i’ ho salda ragione130
con Amor, e d’accordo
siam ben del nostro accordo,

[p. 355 modifica]

ed è scritto a mi’ conto
ch’i’ non sia piú tu’ conto.
È la ragion dannata;135
perch’i’ t’ho per dannata
ed ebbi, per convento,
po’ ch’i’ fu’ del convento
d’Amor cu’ Dio mantenga,
e sempr’e’ me mantenga.140
Tu mi vuo’ trar d’amare
e di’ ch’Amor amar è:
i’ ’l truova’ dolce e fine,
e su’ comincio e fine
mi piacque e piacerá,145
ché’n sé gran piacer ha.
Or come vivere’ ’o?
sanz’Amor vive reo
chi si governa al mondo;
sanz’Amor egli è mondo150
d’ogne buona vertute
né non può far vertute;
sanz’Amor sí è nuia,
che, con cu’ regna, envia
d’andarne dritto al luogo155
lá dove Envia ha lluogo.
E per ciò non ti credo,
se tu diciess’il Credo
e ’l Paternostro e l’Ave,
sí poco in te senn’ave.160
Addio, ched i’ mi torno,
e fine amante torno
per devisar partita
com’ell’è ben partita
e di cors e di membra,165
sí come a me mi membra».
     Cape’ d’oro battuto
paion, che m’han battuto,

[p. 356 modifica]

quelli che porta in capo,
per ch’i’ a lor fo capo.170
La sua piacente. cera
non è sembiante a cera,
anz’è sí fresca e bella
che lo me’ cor s’abbella
di non le mai affare,175
tant’ha piacente affare.
La sua fronte e le ciglia
bieltá d’ogne altre sciglia.
Tanto son ben voltati
che’ mie’ pensier voltati180
hanno ver lei, che gioia
mi dá piú ch’altra gioia.
In su’ dolze riguardo
di niun mal ha riguardo
cu’ ella guarda in viso,185
tant’ha piacente avviso;
ed ha sí chiara luce
ch’al sol to’ la sua luce
e lo scura e l’aluna,
sí come il sol la luna.190
Perch’i’ a quella spera
ho messa la mia spera,
e sí ben co llei regno,
i’ non vogli’ altro regno.
La bocca e ’l naso e ’l mento195
ha piú belli, e non mento,
ch’unque non ebbe Alena;
ed ha piú dolce alena
che nessuna pantera.
Per ch’i’ ver sua pantera200
i’ mi sono ’n fed’ito,
e dentro v’ho fedito;
ed èmmene sí preso
ched i’ vi son sí preso

[p. 357 modifica]

che mai, di mia partita,205
non mi farò partita.
La gola sua e ’l petto
si chiar’è, ch’a Dio a petto
mi par esser la dia
ch’i’ veggio quella Dia.210
Tant’è bianca e lattata,
che ma’ non fu allattata
nulla di tal valuta.
A me tropp’è valuta,
ched ella si m’ha dritto215
in saper tutto ’l dritto
c’Amor usa in sua corte,
che non v’ha legge corte.
Mani ha lunghette e braccia,
e chi co llei s’abbraccia220
giá mai mal non ha gotta
né di ren né di gotta:
il su’ nobile stato
si mette in buono stato
chiunque la rimira.225
Per che ’l me’ cor si mira
in lei e notte e giorno,
e sempre a lei aggiorno,
ch’Amor si l’ha inchesto,
ned e’ non ho inchesto230
se potesse aver termine,
ch’amar vorria san termine.
E quando va per via,
ciascun di lei ha ’nvia
per l’andatura gente;235
e quando parla a gente
sí umilmente parla
che boce d’agnol par lá.
Il su’ danzar e ’l canto
val vie piú ad incanto240

[p. 358 modifica]

che di nulla serena,
ché l’aria fa serena:
quando la boce lieva,
ogne nuvol si lieva
e l’aria riman chiara.245
Per che ’l me’ cor si chiar’ha
di non far giá mai cambio
di lei a nessun cambio;
ch’ell’è di sí gran pregio
ch’i’ non troveria pregio250
nessun, che mai la vaglia.
Amor, se Dio mi vaglia,
il terrebbe a follore,
e ben seria foll’ore
quand’io il pensasse punto.255
Ma Amor l’ha sí a punto
nella mia mente pinta,
ch’i’ la mi veggio pinta
nel cor, s’i’ dormo o veglio.
Unque Assessino al Veglio260
non fu giá mai sí presto,
né a Dio mai il Presto,
com’io a servir amante,
per le vertú ch’ha mante.
E s’io in lei pietanza265
truov’o d’una pietanza
del su’ amor son contento,
i’ sarò piú contento,
per la sua gran valenza,
che s’io avesse Valenza.270
Se Gelosia ha ’n sé gina
di tormene segina,
lo Dio d’amor mi mente;
chéd i’ ho ben a mente
ciò: ched e’ m’ebbe in grado275
sed i’ ’l servisse a grado.

[p. 359 modifica]

     Ben ci ha egli un cammino
piú corto; né ’l cammino,
per ciò ch’i’ non ho entrata
ched i’ per quell’entrata280
potesse entrar un passo.
Ricchezza guarda il passo,
che non fa buona cara
a que’ che no ll’ha cara.
E sí fu’ i’ sí saggio285
ched i’ ne feci saggio,
s’i’ potesse oltre gire.
«Per neente t’aggire»
mi disse, e con mal viso:
«tu se’ da me diviso,290
per ciò il passo ti vieto;
non perché tu sie vieto,
ma tu non m’accontasti,
unquema’ mi contasti:
e io ciascun schifo295
che di me si fa schifo.
Va’ tua via e sí procaccia,
ch’i’ so ben, chi pro’ caccia,
convien che bestia prenda.
Se fai che Veno imprenda300
la guerr’a Gelosia,
come che ’n gelo sia,
convien ch’ella si renda,
e ched ella ti renda
del servir guiderdone,305
sanza che guiderdone.
Ma tuttor ti ricorde,
se ma’ meco t’accorde,
oro e argento apporta:
i’ t’aprirò la porta,310
sanza che tu facci’ oste.
E si avrai ad oste

[p. 360 modifica]

Folle-Larghezza mala,
che scioglierá la mala
e fará gran dispensa315
in sale ed in dispensa
e ’n guardarobe e ’n cella.
Povertá è su’ ancella:
quella convien t’appanni
e che ti tragga panni320
e le tue buone calze,
che giá mai no lle calze,
e la camiscia e brache,
se tu co lle’ t’imbrache.
Figlia fu a Cuor-Fallito:325
per Dio, guarda ’n fall’ito
non sia ciò ch’io’ t’ho detto!
E sie con meco addetto
e mostra ben voglienza
d’aver mia benvoglienza;330
ché Povertat’è insomma
d’ogne dolor la somma.
Ancor non t’ho nomato
un su’ figliuol nomato:
Imbolar uon l’appella:335
chi da lu’ non s’appella,
egli ’l mena a le forche,
lá dove non ha for che
e’ monti per la scala,
dov’ogne ben gli scala,340
e danza a suon di vento,
sanz’aver mai avento.
Or si t’ho letto il salmo:
ben credo a mente sá ’l mo’,
si ’l t’ho mostrato ad agio.345
Se mai vien’ per mi’ agio,
pensa d’esser maestro
di ciò ch’i’ t’ammaestro;

[p. 361 modifica]

che Povertá tua serva
non sia, né mai ti serva,350
ché ’l su’ servigio è malo,
e ben può dicer «mal ho»
cu’ ella spoglia o scalza;
ché d’ogne ben lo scalza,
e mettelo in tal punto355
ch’a vederlo par punto.
E gli amici e’ parenti
no gli son apparenti:
ciascun le ren gli torna
e ciascun se ne torna.360
. . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . .
Perch’Amor m’aggia matto,
che mi tenga a matto
Ragion, cui poco amo,
giá, se Dio piace, ed amo
ch’ell’aggia non m’ha crocco.365
Amor m’ha cinto il crocco,
con che vuol ched i’ tenda
s’i’ vo’ gir co llui ’n tenda.
E dice, s’i’ balestro
se non col su’ balestro,370
o s’i’ credo a Ragione
di nulla sua ragione
ch’ella mi dica o punga,
o sed i’ metto in punga
ricchezza per guardare,375
o s’i’ miro in guar dare,
a lui se non ciò c’ho,
di lui non faccia co;
ma mi getta di taglia,
e dice che ’n sua taglia380
i’ non prenda ma’ soldo,
per livra né per soldo

[p. 362 modifica]

ched i’ giá ma’ gli doni.
Amor vuol questi doni:
corpo e avere e anima,385
e con colui s’inanima,
chi gliel’ dá certamente
(e chi altro accerta, mente),
e sol lui per tesoro
vuol ch’uon metta ’n tesoro.390
E chi di lui è preso,
si vuol ch’e’ sia appreso
d’ogne bell’ordinanza
che ’l su’ bellor dinanza.
Chi ’l cheta come dee,395
si acchita ciò ch’e’ dee.
     D’orgoglio vuol sie voto,
ched egli ha fatto voto
di non amarti guar’ dí
se d’orgoglio non guardi;400
ché fortemente pecca
que’ che d’orgoglio ha pecca.
Cortese e franco e pro’
convien che sie, e pro’
salute e doni e rendi:405
se tu a ciò ti rendi,
d’Amor sarai in grazia,
e si ti fará grazia.
E se se’ forte e visto,
a caval sie avvisto410
di punger gentemente,
si che la gente mente
ti pongan per diletto.
Non ti truovi di letto
mattino a qualche canto.415
Se tu sai alcun canto,
non ti pesi il cantare
quanto pesa un cantare,

[p. 363 modifica]

si che n’oda la nota
quella che ’l tu’ cor nota.420
Se sai giucar di lancia
prendila e sí la lancia,
e corri e sali e salta,
che troppo gente assalta:
far cosa che lor seggia,425
gli mette in alta seggia.
Belle robe a podere,
secondo il tu’ podere,
vesti, fresche e novelle,
si che n’oda novelle430
l’amor, cu’ tu ha’ caro
piú che ’l Soldano il Caro.
E s’elle son di lana,
sí non ti paia l’ana
a devisar l’intagli,435
se tu ha’ chi gli ’ntagli.
Nove scarpette e calze
convien che tuttor calze;
della persona conto
ti tieni; e nul mal conto440
di tua bocca non s’oda,
ma ciascun pregia e loda.
Servi donne ed onora,
ché via troppo d’onor ha
chi vi mette sua ’ntenta.445
S’alcuno il diavol tenta
di lor parlare a taccia,
sí gli dí ch’e’ si taccia.
Sie largo; e, d’altra parte,
non far del tu’ cuor parte:450
tutto ’n quel luogo il metti
lá dove tu l’ammetti;
ch’egli è d’Amor partito
chi ’l su’ cuor ha partito,

[p. 364 modifica]

ché non tien leal fino455
chi va come l’alfino;
ma sol con que’ s’accorda
che ’l su’ cammin va’ ccorda.
Mi’ detto ancor non fino,
ché d’un amico fino460
chieder, convien ti membri,
che metta cuor e membri
per te, se ti bisogna,
e ’n ogne tua bisogna
ti sia fedele e giusto.465
Ma, fé che do a San Giusto!
seminati son chiari
i buon’amici chiari.
Ma, se ’l truovi perfetto,
piú ricco che ’l Perfetto470
sarai di sua compagna;
e s’ha bella compagna
la tua fia piú sicura,
ché Veno non si cura
che non faccia far tratto,475
di che l’amor è tratto.
Di lor piú il fatto isveglia,
né ma’ per suon di sveglia
né per servir che faccia
nol guarda dritto in faccia480
. . . . .
. . . . .