Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/361


detto d’amore 355

ed è scritto a mi’ conto
ch’i’ non sia piú tu’ conto.
È la ragion dannata;135
perch’i’ t’ho per dannata
ed ebbi, per convento,
po’ ch’i’ fu’ del convento
d’Amor cu’ Dio mantenga,
e sempr’e’ me mantenga.140
Tu mi vuo’ trar d’amare
e di’ ch’Amor amar è:
i’ ’l truova’ dolce e fine,
e su’ comincio e fine
mi piacque e piacerá,145
ché’n sé gran piacer ha.
Or come vivere’ ’o?
sanz’Amor vive reo
chi si governa al mondo;
sanz’Amor egli è mondo150
d’ogne buona vertute
né non può far vertute;
sanz’Amor sí è nuia,
che, con cu’ regna, envia
d’andarne dritto al luogo155
lá dove Envia ha lluogo.
E per ciò non ti credo,
se tu diciess’il Credo
e ’l Paternostro e l’Ave,
sí poco in te senn’ave.160
Addio, ched i’ mi torno,
e fine amante torno
per devisar partita
com’ell’è ben partita
e di cors e di membra,165
sí come a me mi membra».
     Cape’ d’oro battuto
paion, che m’han battuto,