Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/363


detto d’amore 357

che mai, di mia partita,205
non mi farò partita.
La gola sua e ’l petto
si chiar’è, ch’a Dio a petto
mi par esser la dia
ch’i’ veggio quella Dia.210
Tant’è bianca e lattata,
che ma’ non fu allattata
nulla di tal valuta.
A me tropp’è valuta,
ched ella si m’ha dritto215
in saper tutto ’l dritto
c’Amor usa in sua corte,
che non v’ha legge corte.
Mani ha lunghette e braccia,
e chi co llei s’abbraccia220
giá mai mal non ha gotta
né di ren né di gotta:
il su’ nobile stato
si mette in buono stato
chiunque la rimira.225
Per che ’l me’ cor si mira
in lei e notte e giorno,
e sempre a lei aggiorno,
ch’Amor si l’ha inchesto,
ned e’ non ho inchesto230
se potesse aver termine,
ch’amar vorria san termine.
E quando va per via,
ciascun di lei ha ’nvia
per l’andatura gente;235
e quando parla a gente
sí umilmente parla
che boce d’agnol par lá.
Il su’ danzar e ’l canto
val vie piú ad incanto240