Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/366

360 poemetti allegorico-didattici

Folle-Larghezza mala,
che scioglierá la mala
e fará gran dispensa315
in sale ed in dispensa
e ’n guardarobe e ’n cella.
Povertá è su’ ancella:
quella convien t’appanni
e che ti tragga panni320
e le tue buone calze,
che giá mai no lle calze,
e la camiscia e brache,
se tu co lle’ t’imbrache.
Figlia fu a Cuor-Fallito:325
per Dio, guarda ’n fall’ito
non sia ciò ch’io’ t’ho detto!
E sie con meco addetto
e mostra ben voglienza
d’aver mia benvoglienza;330
ché Povertat’è insomma
d’ogne dolor la somma.
Ancor non t’ho nomato
un su’ figliuol nomato:
Imbolar uon l’appella:335
chi da lu’ non s’appella,
egli ’l mena a le forche,
lá dove non ha for che
e’ monti per la scala,
dov’ogne ben gli scala,340
e danza a suon di vento,
sanz’aver mai avento.
Or si t’ho letto il salmo:
ben credo a mente sá ’l mo’,
si ’l t’ho mostrato ad agio.345
Se mai vien’ per mi’ agio,
pensa d’esser maestro
di ciò ch’i’ t’ammaestro;