Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/359


detto d’amore 353

tal chente Amor comanda
a chi a lu’ s’accomanda,
e chi la porta in grado
il mette in alto grado
di ciò ched e’ disìa: 65
Per me cotal dí sia!
Per ch’i’ giá non dispero,
ma ciaschedun dí spero
merzé, po’ in su’ travaglio
i’ son sanza travaglio, 70
e sonvi sí legato
ch’i’ non vo’ che Legato
giá mai me ne prosciolga:
se n’ha altri pro’, sciolga!
Ch’i’ vo’ ch’Amor m’alleghi, 75
che che Ragion m’alleghi:
di lei il me’ cor sicur ha,
né piú di lei non cura;
ella si fa diessa:
né fu’ né fia di essa!80
Amor blasma e disfama
e dice ch’e’ diffama,
ma non del mi’, certano;
perch’i’, per le’, certan ho
che ciaschedun s’abatte: 85
me’ che d’Amor s’abatte.
Ed a me dice: «Folle,
perché cosí t’affolle
d’aver tal signoria?
I’ dico, signo ri’ ha90
chi porta su’ suggello.
I’ per me non suggello
della sua ’mprenta breve,
ch’è troppo corta e breve
la gioia e la noia lunga.95
Or taglia geti, e lunga