Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/364

358 poemetti allegorico-didattici

che di nulla serena,
ché l’aria fa serena:
quando la boce lieva,
ogne nuvol si lieva
e l’aria riman chiara.245
Per che ’l me’ cor si chiar’ha
di non far giá mai cambio
di lei a nessun cambio;
ch’ell’è di sí gran pregio
ch’i’ non troveria pregio250
nessun, che mai la vaglia.
Amor, se Dio mi vaglia,
il terrebbe a follore,
e ben seria foll’ore
quand’io il pensasse punto.255
Ma Amor l’ha sí a punto
nella mia mente pinta,
ch’i’ la mi veggio pinta
nel cor, s’i’ dormo o veglio.
Unque Assessino al Veglio260
non fu giá mai sí presto,
né a Dio mai il Presto,
com’io a servir amante,
per le vertú ch’ha mante.
E s’io in lei pietanza265
truov’o d’una pietanza
del su’ amor son contento,
i’ sarò piú contento,
per la sua gran valenza,
che s’io avesse Valenza.270
Se Gelosia ha ’n sé gina
di tormene segina,
lo Dio d’amor mi mente;
chéd i’ ho ben a mente
ciò: ched e’ m’ebbe in grado275
sed i’ ’l servisse a grado.