Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/365


detto d’amore 359

     Ben ci ha egli un cammino
piú corto; né ’l cammino,
per ciò ch’i’ non ho entrata
ched i’ per quell’entrata280
potesse entrar un passo.
Ricchezza guarda il passo,
che non fa buona cara
a que’ che no ll’ha cara.
E sí fu’ i’ sí saggio285
ched i’ ne feci saggio,
s’i’ potesse oltre gire.
«Per neente t’aggire»
mi disse, e con mal viso:
«tu se’ da me diviso,290
per ciò il passo ti vieto;
non perché tu sie vieto,
ma tu non m’accontasti,
unquema’ mi contasti:
e io ciascun schifo295
che di me si fa schifo.
Va’ tua via e sí procaccia,
ch’i’ so ben, chi pro’ caccia,
convien che bestia prenda.
Se fai che Veno imprenda300
la guerr’a Gelosia,
come che ’n gelo sia,
convien ch’ella si renda,
e ched ella ti renda
del servir guiderdone,305
sanza che guiderdone.
Ma tuttor ti ricorde,
se ma’ meco t’accorde,
oro e argento apporta:
i’ t’aprirò la porta,310
sanza che tu facci’ oste.
E si avrai ad oste