Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/27

 
Giovanni Ondadei Nobil Pesarese Consultore di Francesco Maria Duca d’Urbino. 90
Pesaro col fiume dall’Idolo d’oro d’Iside, Isauro si appella. 90
Pesaro da diverse nationi posseduto, da’ Romani si deduce in Colonia. 91
Monte Accio da Alessandro Sforza si chiamò l’imperiale. 91
Tempio di S. Domenico fondato sopra le rovine del Tempio di Giove Massimo. 92
Pesaro ingogliato dal Terremoto. 92
Sole prodigioso comparso in notte in Pesaro. 92
Illustrato in Cielo dall’innocente sangue de’ Martiri suoi Cittadini. 93
Distrutto da Vittigi, da Belisario si riedifica. 93
Leuthese Gallo, havendo saccheggiato l’Italia, fù rotto in Pesaro. 93
Pesaro in poter degli Essarchi, si annovera trà le Pentapoli. 94
Pesaresi favorendo la Chiesa, si oppongono à Desiderio Rè de’ Longobardi. 94
Pesaro liberatosi dalla Tirannide de’ Malatesti, torna alla Chiesa. 95
Pesaresi rotti in Urbino, gran strage fanno de gli Urbinati in Pesaro. 95
Malatesti dal Sommo Pontefice investiti della Signoria di Pesaro. 96
Pesaro viene in poter d’Alessandro Sforza. 96
Pesaro Giardino d’Italia. 97
Liberatosi dalla Tirannide di Cesare Borgia, torna in potere de’ Sforzeschi. 97
Galeazzo Sforza da Giulio Secondo è cacciato dalla Signoria di Pesaro. 97
Viene in potere di Francesco Maria Secondo Duca d’Urbino. 98
Da Guido Baldo suo successore si cinge di fortissime mura. 98
Estinta la linea de’ Duchi della Rovere torna alla Chiesa. 98
Pettino Città edificata da’ Pelagi nel Monte Persene. 135
Propugnacolo della Contrada Senonia. 136
Tolta da’ Senoni à’ Toschi, da’ medesimi Senoni viene habitata. 136
Da’ Romani della dignità municipale fù decorata. 136
Distrutto da’ Goti, da’ suoi Cittadini riedificato, Macerata s’appella. 137
Rimino, e sua origine. 77
Travagliato da’ Toschi. 79
Con gli aiuti de gli Umbri si libera da’ suoi nemici. 79
Borghi di Rimino fabricati, & habitati da gli Umbri. 79
Rimino, cacciati gli Umbri, in poter si pone de’ Toscani. 80
Conquistato da’ Celti, resta dishabitato. 80
Da’ Romani riedificato, si deduce da essi in Colonia. 80
Annibale teme di accostarsi à Rimino con gli suoi Esserciti. 81