Pagina:Leonardo - Trattato della pittura, 1890.djvu/384


461. Delle macchie delle ombre che appariscono ne' corpi da lontano

462. Perchè sul far della sera le ombre de' corpi generate in bianca parete sono azzurre

463. Dove è più chiaro il fumo

464. Della polvere

465. Del fumo

466. Pittura

467. Della parte del corpo opaco

468. Precetto di pittura

469. De' termini della cosa bianca

470. Precetto

471. Perchè la cosa dipinta, ancorachè essa venga all'occhio per quella medesima grossezza d'angolo che quella che è più remota di essa, non pare tanto remota quanto quella della remozione naturale

472. Pittura

473. Del giudizio ch'hai da fare sopra un'opera d'un pittore

474. Del rilievo delle figure remote dall'occhio

475. De' termini de' membri illuminati

476. De' termini

477. Delle incarnazioni e figure remote dall'occhio

478. Pittura

479. Discorso di pittura

480. Pittura

481. Perchè di due cose di pari grandezza parrà maggiore la dipinta che quella di rilievo

482. Perchè le cose perfettamente ritratte di naturale non paiono del medesimo rilievo qual pare esso naturale

483. Qual pare più rilevato, o il rilievo vicino all'occhio, o il rilievo remoto da esso occhio

484. Precetto

485. Di far che le cose paiano spiccate da' lor campi, cioè dalla parete dove sono dipinte

486. Precetto

487. Come le figure spesso somigliano ai loro maestri

488. Del figurare le parti del mondo

489. Del figurare le quattro cose de' tempi dell'anno, o partecipanti di quelle

490. Del vento dipinto

491. Del principio di una pioggia

492. Della disposizione di una fortuna di venti e di pioggia

493. Delle ombre fatte da' ponti sopra la loro acqua

494. De' simulacri chiari o scuri che s'imprimono sopra i luoghi ombrosi e luminati posti infra la superficie ed il fondo delle acque chiare

495. Dell'acqua chiara è trasparente il fondo fuori della superficie

496. Della schiuma dell'acqua

497. Precetto di pittura

498. Precetto

499. De' dieci uffici dell'occhio, tutti appartenenti alla pittura

500. Della statua

501. Per fare una pittura d'eterna vernice

502. Modo di colorire in tela

503. De' fumi delle città

504. Del fumo e della polvere

505. Precetto di prospettiva in pittura

506. L'occhio posto in alto che vede degli obietti bassi

507. L'occhio posto in basso che vede degli obietti bassi ed alti

508. Perchè si dà il concorso di tutte le specie che vengono all'occhio ad un sol punto

509. Delle cose specchiate nell'acqua

510. Delle cose specchiate in acqua torbida

511. Delle cose specchiate in acqua corrente

512. Della natura del mezzo interposto infra l'occhio e l'obietto

513. Effetti del mezzo circondato da superficie comune

514. Degli obietti

515. Delle diminuzioni de' colori e corpi

516. Delle interposizioni de' corpi trasparenti infra l'occhio e l'obietto