Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/524

516 dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo.
Tutta la sfera stellata da lontananza grande potrebbe apparir piccola quant’una stella ||
 397
Col privare il cielo di qualche stella si potrebbe venire in cognizione di quello che ella operi in noi ||
 395
Una stella si chiama piccola rispetto alla grandezza dello spazio che la circonda ||
 397
Telescopio ottimo mezo per levar la capellatura alle stelle ||
 366
Tempi delle conversioni de i pianeti Medicei ||
 144
Quattro moti diversi attribuiti alla Terra ||
 424
Toccarsi in un punto non è proprio delle sfere perfette solamente, ma di tutte le figure curve ||
 234
Trasponendosi il grand’aggregato de i gravi, le particelle separate da esso lo seguirebbero ||
 270
Tre dignità si suppongono manifeste ||
 281
Si oppone all’ipotesi della mobilità della Terra, presa in grazia del flusso e reflusso ||
 462
Confermasi la vertigine della Terra con nuovo argomento preso dall’aria ||
 464
Parte vaporosa vicina alla Terra participa de’ suoi movimenti ||
 465
Altra osservazione presa dall’aria, in confermazione del moto della Terra ||
 466

Terra.

Terra sferica per la cospirazion delle parti al suo centro ||
 58
Naturale del globo terrestre deve dirsi più tosto la quiete che il moto all’ingiù ||
 70
Terra nobilissima per le tante mutazioni che in lei si fanno ||
 83
Terra inutile e piena di ozio, levate le alterazioni ||
 83
Terra più nobile dell’oro e delle gioie ||
 83
L’alterabilità non è nell’intero globo, ma nelle parti della Terra ||
 85
Tutta la Terra vede la metà solamente della Luna, e la metà solamente della Luna vede tutta la Terra ||
 90
Lume della Terra reflesso nella Luna ||
 92
Terra impotente a reflettere i raggi del Sole ||
 94
La Terra può reciprocamente operare ne i corpi celesti ||
 121