Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/428

422 indice
IX. ||
Nel quale ragionasi di assai antichi poeti, filosofi ed autori ||
   » 316
X. ||
Delle specie ovvero delle parti della prudenza ||
   » 321
XI. ||
Della virtú della giustizia, e come e perché furono trovate le leggi ||
   » 326
XII. ||
Trattasi delle parti della giustizia ||
   » 331
XIII. ||
Dove trattasi singolarmente della virtú dell’equitá e della veritá e de’ valenti canonisti e legisti ||
   » 336
XIV. ||
L’autore vede il tempio della fede, e gli appare san Paolo, il quale gli ragiona di questa virtú ||
   » 342
XV. ||
Di coloro che col lor sangue fondarono la fede, e delle cose che dobbiamo credere ||
   » 347
XVI. ||
Della resurrezione de’ nostri corpi dopo il Giudizio ||
   » 352
XVII. ||
Come Paolo apostolo menò l’autore al reame della Speranza ||
   » 357
XVIII. ||
De’ peccati nello Spirito santo, i quali sono opposti alla speranza ||
   » 362
XIX. ||
Come la Speranza conduce l’autore a parlare con la Caritá ||
   » 368
XX. ||
Dove trattasi piú distintamente del purgatorio, e si risolvono certi dubbi ||
   » 373
XXI. ||
Della caritá e dell’opere della misericordia corporali e spirituali ||
   » 378
XXII. ||
La Caritá mena l’autore nel cielo e tratta delle cose superiori ed eterne ||
   » 383
Nota ||
   » 389
Glossario ||
   » 407
Indice dei nomi ||
   » 409