Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/395