Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/426


XVI. Del reame di Venere, e come le ninfe del medesimo reame dispiacquero all’autore, perché usavano atti disonesti d’amore; onde Venere il menda ninfe piú oneste, ma piú piene d’inganno 80 XVII. Dove si tratta dell’inganno, che fu fatto all’autore dalla ninfa Ionia 85 XVIII. Dove si tratta del reggimento della casa de’ Trinci e della cittá di Foligno 90 LIBRO SECONDO DEL REGNO DI SATANASSO I. Come la dea Pallade appare all’autore e gli descrive la sedia e signoria di Satanasso.pag 97 II. Come l’autore narra a Minerva che e’ si confida vincere Satanasso e suoi vizi 103 III. Come l’autore mediante la dea Minerva ritornò dell’inferno, dove era disceso 108 IV. Dove trattasi del limbo e del peccato originale ... *113 V. Come l’autore trova certe anime, che stavano penando presso al limbo 118 VI. Come l’autore, uscito dall’inferno, venne nel mondo nell’emisfero di Satan 123 VII. Dove trattasi del regno d’Acheronte 128 VIII. Dove trattasi della pena del gigante Tizio e quello ch’e’ significhi 133 IX. Come l’autore trova la Morte, la quale parla acerbamente contro i mortali 138 X. Dove l’autore discorre delle pene, che l’uomo dá a se stesso per false opinioni 143 XI. Dove si tratta della pena di Sisifo 148 XII. Dove l’autore parla di Flegias e della pena, che cagiona il timore 153 XIII. Come l’autore vede la Fortuna 158 XIV. Dove trattasi della pena, che dá l’Amore, quando ha il vero fondamento 163 XV. Come l’autore riconosce la cittá di Dite in questo mondo, e quindi trova Circe, la quale trasmuta gli uomini 168 XVI. Delle tre Furie infernali e delli tradimenti mondani 173 XVII. Come l’autore vede il tempio di Plutone 178 XVIII. Dove si tratta delli centauri 183 XIX. Come l’autore trova Satan trionfante nel suo reame 188