Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/174


CAPITOLO XV

Come l'autore riconosce la cittá di Dite in questo mondo, e quindi trova Circe, la quale trasmuta gli uomini.


       Nel terzo regno su per quella piaggia
       noi devenimmo, ed, alzando le ciglia,
       sí come piacque alla mia scorta saggia,
       vidi di Dite la cittá vermiglia,
   5   di mille miglia intorno, ed in figura
       a Dite dell'inferno s'assomiglia.
       Di ferro ardente avea le grandi mura,
       a ogni cento piè avea una torre,
       con guardian, che mi facea paura.
  10   Attorno delle mura un fiume corre,
       ardente piú che non è il fuso rame,
       quando in campana per canal trascorre.
       Bolliva piú assai che 'l Bollicame,
       e, perché ferve, però Flegetonte
  15   il suo vocabol convien che si chiame.
       Dalla ripa alla porta era per ponte
       attraversato e steso un sottil filo,
       pel qual chi in Dite va, convien che monte.
       Non fe' sí sottil riga giammai stilo,
  20   né filò sí sottil giammai aragna,
       com'è la via che mena in quell'asilo.
       Su per quel fil sottil la mia compagna
       prima si mosse, e, poiché un passo diede,
       disse che andassi dietro a sue calcagna.
  25   Io non andai, ma tenni fermo il piede,
       dicendo a lei:--Non verrò, perché temo,
       ché non son io legger quanto tu crede.--