Apri il menu principale
Anonimo

XIII secolo C raccolte di poesie duecento La corona amorosa
(o corona di casistica amorosa) Intestazione 31 agosto 2009 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Indice

  •  I 75%.svg
Se 'n questo dir presente si contene
Se unqua fu neun, che di servire
Perfetto onore, quanto al mi' parere
Amico mio, per Dio, prendi conforto
  •  V 75%.svg
I' vivo di speranza, e·ccosì face
Chi vuole aver gioiosa vita intera
Molto m'e viso che·ssia da blasmare
Ahi buona fede a·mme forte nemica!
Omo non fu ch'amasse lealmente
  •  X 75%.svg
D'amore vène ad om tutto piacere
Avegna che d'amore aggia sentito
Ben ch'i' ne sia alquanto intralasciato
Ne l'amoroso affanno son tornato
I' sono alcuna volta domandato
Otto comandamenti face Amore
Nobil pulzella dolce ed amorosa
Com' io mi lamentai per lo dolore
Partitevi, messer, da·ppiù cherere
Gentil mia donna, ciò che voi tenere
Messer, l'umilità donde parlate
Madonna, lo parlar ch'ora mostrate
I' sì·mmi posso, lassa, lamentare
Tutto ch'i' mi lamenti nel mi' dire
I son congiunto sì a voi di fede
Nonn·oso nominare apertamente
Nobile pulzelletta ed amorosa
Dappoi ch'è certo che la tua bieltate
Quand' io mi vo' ridure a la ragione
Per questo, amico, ch'io t'ag[g]io mostrato
Noi semo inn·un cammino e dovén gire
Grazie ti rendo, amico, a mio podere
Se in me avesse punto di savere
Alcuna gente, part' io mi dimoro
Sed io vivo pensoso ed ho dolore
Morte gentil, rimedio de' cattivi
Tristo e dolente e faticato molto
S' on si trovò già mai in vita povra
Deh, che ho detto di tornare in possa!
Nessuna cosa tengo sia sì grave
I' sì mi tengo, lasso, a mala posta
I' ragionai l'altrier con uno antico
I' credo, Amor, che'nfin ch'i' non dimagro
Amico, tu fai mal, che·tti sconforti
Amore, i' aggio vostro dire inteso
Talor credete voi, Amor, ch'i' dorma
Sed io comincio dir che pai' alpestro
In quella guisa, Amor, che·ttu richiedi
Un poco esser mi pare isvïatetto
Como ch'Amor mi meni tuttavolta
  •  L 75%.svg
La pena che sentì Cato di Roma
Dicendo i' vero altrui, fallar non curo
Due malvagie maniere di mentire
Non posso rafrenar lo mi' talento
Quando l'Amore il su' servo partito
Vita mi piace d'om che·ssi mantene
I' son ben certo, dolce mio amore
De lo piacere che or presente presi
L'attender ched i' faccio con paura
I' sì vorrei così aver d'Amore
Ne lo disïo dove Amor mi tène
Però ch'i' ho temenza di fallare