Apri il menu principale
../Avventura Ventunesima

../Avventura Ventitreesima IncludiIntestazione 8 giugno 2019 75% Da definire

Anonimo - I Nibelunghi (XIII secolo)
Traduzione dall'alto tedesco medio di Italo Pizzi (1889)
Avventura Ventiduesima
Avventura Ventunesima Avventura Ventitreesima

[p. 419 modifica]

Avventura Ventiduesima

In che modo Etzel implamò Kriemhilde


     In Treisenmùre fino al quarto giorno
Ella abitò. La polve in su le vie
Da que’ dì non posò, senza che alcuno
La sollevasse d’ogni parte intorno,
5Come se incendio là si fosse. Egli erano
Di re Ètzel i prodi e cavalcavano
D’Osterrich per la terra. Anche fu detto
Veracemente al re, cui già sparia
Per novello pensier l’affanno antico.
10In qual pompa venìa per la sua terra
Kriemhilde. Ei cominciava, il nobil sire,
Ad irne là, dove rinvenne poi

[p. 420 modifica]

Quella sì d’amor degna. E si vedeano
D’Ètzel innanzi molti e di diverse
15Lingue gagliardi cavalieri assai
Cavalcando venir, schiere diverse
Di pagani, e di molti a Cristo addetti,
Ed ei venìan con tutta pompa intanto
Là ’ve in le donne s’incontrâr. Di Russi
20E di Greci pur anco ivi scendeano
Cavalcando ben molti; anche fûr visti
Di Poloni e Valacchi andar veloci
I palafreni buoni assai, chè quelli
Sospingevanli a forza; e lor costumi,
25Quali essi avean, di poco abbandonavano.
Dalla terra di Kiewo assai ne vennero
Valorosi, e con essi i Pescenaeri1
Selvatici e feroci. E si fe’ molto
Con tirar d’arco di contro agli augelli,
30Volatori in que’ lochi, ed elli i dardi
Con gran forza d’assai traeano a dietro

[p. 421 modifica]

Fino a le punte.2 In Osterlande giace
Presso al Danubio una città, che Tulna
La gente appella. Noti allor si fêro
35Alla regina assai nuovi costumi
Ch’ella non vide in pria. Molti l’accolsero
Cui poscia duol toccò per lei soltanto.
     Cavalcava dinanzi ad Ètzel prence
Un drappello giocondo e ricco assai,
40E cortese e gentil, di ventiquattro
Principi illustri ed opulenti. Nulla
Più disïâr, che di veder la donna,3
Tutti cotesti. Ecco, Ramungo duca,
De’ Valacchi del suol, con settecento
45Uomini suoi dinanzi a lei correa.
Pari a volanti augelli ei si vedeano
Correre a prova. Principe Gibeche
Con sue splendide schiere anche venìa;

[p. 422 modifica]

E Hornboge ardito innanzi dal suo prence
50Con mille prodi alla sua donna incontro
Volgeasi ratto; e fu gridato assai
Ad alte voci, quale era costume
In quella terra. Cavalcâr ben molti
I principi degli Unni. Hawardo allora
55Di Danimarca ardito venne, e Iringo
Agile assai, da sermon disleale
Alieno sempre, e di Turingia Irnfrido
Uom valoroso. Elli accogliean Kriemhilde,
Perchè di tanto avesse onor, con dodici-
60mila guerrieri, quali in lor falangi
Menavano con sè. Bloedelin prence,
D’Ètzel frate e degli Unni de la terra,
Con tremila venìa. Venìa con pompa
D’assai là ’ve incontrò la regal donna
     65Giunse re Ètzel e Dietrico e tutti
I suoi famigli. V’erano ben molti
Buoni ed accorti cavalieri assai,
E di donna Kriemhilde alto levossi
Allor lo spirto. Disse alla regina
70Prence Rüedgero: Accoglier qui m’è d’uopo,

[p. 423 modifica]

O donna, il re. Deh! facciasi da voi,
Se alcun dirò che voi baciate. Tutta
D’Ètzel la gente salutar concesso
Non è in simile foggia. — Allor fu tolta
75Dal palafren la nobile regina.
     Ètzel, potente assai, non indugiossi
Allor di più, ma giù balzò dal suo
Destrier con molti de’ gagliardi suoi,
Indi fu visto lietamente andarne
80Di Kriernhilde all’incontro. Or, come
                                                         un giorno
Sì disse a noi, due principi possenti,
Venendo al fianco di colei, le vesti
Al lembo le reggean, quando giugnea
85Ètzel monarca in sua presenza, ed ella
Il nobile signor, d’un atto onesto,
Accolse con un bacio. Anche si tolse
I veli in pria; sovra l’or ch’ell’avea,
Splendea di lei gentil colore, ed altri
90Anche affermò che donna Hèlche più vaga
Mostrarsi non potea. Vicino assai
Stavale intanto Bloedelin, fratello

[p. 424 modifica]

Del sire, e a lui per ch’ella desse un bacio,
Anche a Gibeche re, fe’ cenno allora
95Rüedgèr, margravio illustre. E là si stava
Prence Dietrico ancor. Dodici eroi
Così baciò d’Ètzel la donna, e gli altri,
Ed eran molti cavalieri, accolse
Con un saluto. Intanto che si stava
100Ètzel appo Kriemhilde, i giovinetti
Fean ciò che ancor la gente fa. Fûr visti
Molti scontri eseguir, fieri, con l’aste,
Su’ lor cavalli, e fean gli eroi cotesto,
Quei di Cristo e i pagani anche, conforme
105A lor costumi. Di Dietrico i prodi
Sovra gli scudi, oh! di qual guisa mai
Cavalleresca fean volar lor aste
Con i tronconi, da la man di arditi
Cavalieri sospinte! A molti scudi
110Per gli ospiti tedeschi a parte a parte
Andaro i lembi trapassati. Un alto
Fragor s’udì pel rompersi dell’aste,
E là, da quella terra, i valorosi
Tutti s’erano accolti, anche del sire

[p. 425 modifica]

115Gli ospiti tutti, molto illustri e grandi,
E con donna Kriemhilde iva frattanto
Il possente signore. Elli vedeano
A sè da presso un ricco padiglione
Starsi, ricco d’assai. Pien di capanne
120Tutto il campo a l’intorno, ove posarsi
Dovea la gente dopo sue fatiche;
E là di sotto molte fûr guidate
Vaghe fanciulle da que’ prodi, allora
Che la regina a un fulgido sedile
125Di tappeti posò. Cotesto avea
Rüedgèr margravio in cura avuto, ognuno
Per che bello trovasse e acconcio quello
Di Kriemhilde sedil. Godea di tanto
D’Ètzel il cor. Ma ciò ch’ei disse allora,
130M’è ignota cosa. Nella destra sua
Stava di lei la bianca mano, ed elli
Sedean con molto amor, ma non lasciava
Prence Rüedgero che a Kriemhilde il sire
Intimamente l’amor suo mostrasse.
     135S’indisse allor che dovunque cessasse
Tenzon dell’armi, e con onor fu imposto

[p. 426 modifica]

Fine all’alto fragor. D’Ètzel venièno
A le capanne gli uomini, e gli alberghi
Ampi fûr dati a lor da tutte parti.
     140Ebbe fine quel dì. Quelli apprestavano,
Fin che fu vista la fulgida aurora
Lucer dall’alto, loro alloggi, e poi
Vennero a’ lor destrier molti gagliardi.
Deh! quante cose incominciârsi allora,
145Il prence ad onorar! Volle quel sire
Che gli Unni per onor questo apprestassero,
Indi da Tulna cavalcando scesero
Verso Vienna città. Quivi rinvennero
Molte persone di leggiadre donne
150Ornate a festa. Con onore assai,
D’Ètzel prence la sposa elle accoglieano.
     In copia grande allor tutto fu presto
Ciò che aver si dovea. Per i festivi
Tripudi giubilâr molti guerrieri
155Abili, intanto, e a porli in loro alberghi
Anche si cominciò. Così a le nozze
Del nobil re si fea principio lieto.
     Ma poiché soggiornar dato non era

[p. 427 modifica]

A tutti in la città, pregò Rüedgero
160Che alla campagna prendessero alloggi
Quanti ospiti non erano. E mi penso
Che appo donna Kriemhilde, in ogni tempo,
Prence Dietrico ed altri prodi assai
Sempre fûr visti; per faccende molte
165Tolto ei si avean ogni riposo e quiete,
Perchè a l’alma degli ospiti conforto
Ei dessero così. Giubilo e festa
Ebbe Rüedgero con gli amici suoi.
     Di Pentecoste caddero nel giorno
170Le nozze regie, allor che appo Kriemhilde,
Di Vienna in la città, Ètzel monarca
Si riposò. Pensò colei che tanti
Uomini, accanto al suo primiero sposo,
Ella non ebbe mai. Con donativi
175A chi non anche l’ebbe vista, nota
Ella si fece, e alcuno anche dicea
Così agli ospiti: Un dì credemmo noi
Che nulla avesse più di sue dovizie
Donna Kriemhilde. Ora, co’ doni suoi,
180Molti prodigi qui si fean davvero!

[p. 428 modifica]

     Durâr le nozze diciassette giorni,
Ed io mi penso che d’alcun regnante
Non si possa ridir che fu maggiore
Festa di quella; o ciò è nascosto a noi.
185Quanti eran là, nuovissime portavano
Lor vestimenta, e l’inclita regina
Anche pensò che in Niderlande mai
Di tanti prodi non assise innanzi
Alla presenza. Anche cred’io che, grande
190Ben che fosse Sifrido in sua ricchezza,
Tanti non possedè nobili croi
Quanti ella scorse d’Ètzel nel cospetto;
Nè alcuno diede mai, nelle sue nozze,
Sì ricchi ammanti, vasti e lunghi, o tante
195Vesti buone, chè a tutti aver fu dato,
Com’elli fean per opra di Kriemhilde
Tutti davver. Gli ospiti suoi, gli amici,
Sola una mente avean, perchè nessuna
Cosa da lor si risparmiasse; quanto
200Altri bramò, donavan elli pronta-
mente così, che molti cavalieri
Stettero, per bontà, senza lor vesti.

[p. 429 modifica]

     Or, senza ciò, pensava la regina
Ai dì ch’ella abitò là presso al Reno
205Col suo nobile sposo, e gli occhi suoi
Faceansi molli. Ma di ciò teneva
Alto secreto, per che mai nessuno
Ciò potesse veder. Ben grandi onori,
Dopo tanto suo duolo, altri le rese!
     210Ciò che altri fece per amor, leggiera
Cosa parea, sì come un’aura è lieve,
Per ciò che fea Dietrico. E fu da lui
Sparso all’intorno quanto gli ebbe dato
Di Botelungo il figlio.4 Anche la mano
215Del buon Rüedgero meraviglie assai
Operò allora. Di vuotar fe’ cenno
Dell’argento e dell’or Bloedelin, sire
Dell’ungarica terra, assai forzieri,
E tutto ciò là si donò per lui,
220E fûr visti davver con molti gioia
Viver del re i gagliardi. Anche del sire
I musici, Wärbèl e Swemmelino,

[p. 430 modifica]

Cred’io davver che di ben mille marchi,
E forse più d’assai, fecer guadagno
225In quella festa per ciascuno, allora
Che appo d’Ètzel sedè con dïadema
La leggiadra Kriemhilde. E quei5 da Vienna
Al diciottesmo dì si dipartiro,
E molti scudi andâr spezzati, in giuochi
230Cavallereschi, da le lancie aguzze
Che recavano in pugno i cavalieri.
Ètzel re così andavane alla patria
Terra degli Unni. Furono la notte
In Heimburgo vetusta, e niuno invero
235Il novero sapea di sì gran gente,
E con qual possa acconcia e bella intorno
Per quella terra cavalcasse. Oh! quante
Leggiadre donne a lor natìe dimore
Altri incontrò! Scendeano in navicelli
240A Misenburgo, l’opulenta, e l’onde.
Fin là ’ve si vedean scender scorrendo,
D’uomini e di cavalli eran coperte,

[p. 431 modifica]

Qual se terreno ivi pur fosse. V’ebbero
Agi e riposo dalla lunga via
245Stanche le donne. Navicelli assai,
Acconci e buoni, fûr tra loro avvinti,
Per che niun danno l’onda o la corrente
Facesse a’ naviganti. E tende assai
Acconciamente sopra fûr spiegate,
250Sì che parea che avesser quelli ancora
E terra e spazio. In Etzelburgo queste
Novelle andâr di là rapidamente.
     Uomini e donne ivi gioirò, e vissero
D’Hèlche le ancelle, di cui s’ebbe cura
255L’inclita donna in prima, assai giornate
Felici appo Kriemhilde, e là si stavano
Ad aspettar molte fanciulle, d’inclito
Sangue, che doglia assai ebbero un giorno
D’Hèlche al morir. Là ritrovò Kriemhilde
260Sette figlie di re; d’Ètzel la terra
Tutta andavano adorna. Herràt, intanto,
La giovinetta, delle sue compagne
Prendeasi cura. Figlia era costei
D’Hèlche d’una siroccliia, e fidanzata

[p. 432 modifica]

265Era a Dietrico, e molte erano in lei
Virtù preclare, e di gran re la prole
Ell’era, figlia di Näntwin. Costei
Molti onori ebbe poi. Ma, per l’arrivo
Degli ospiti, il suo cor forte gioìa.
     270Per cotesti, apprestate erano ovunque
Cose ricche d’assai. Deh! chi potrìa
Dirvi ancor di qual foggia il re si stette
Dopo que’ di? Là presso agli Unni intanto
Miglior vita non ebbe altri più mai
275Presso a regina.6 Come ascese il prence
Con la sua donna da la spiaggia, detto
Partitamente a l’inclita Kriemhilde
Fu per lui chi si fosse de le ancelle
Ciascuna, ed ella fea saluti onesta-
280mente più assai. D’allora in poi, deh! quanto,
D’Hèlche al loco, ebbe quivi alto potere!
     Le si prestava assai fedel servigio
Intanto, ed ella, nobile regina,

[p. 433 modifica]

Spartìa le vesti, le gemme e l’argento
285E l’oro anche spartìa. Ciò che dal Reno
Ella fra gli Unni si portò, doveasi
Tutto spartir da lei. Per lor servigi
Anche d’allora in poi le fûr sommessi
Del re tutti i congiunti, anche que’ suoi
290Uomini tutti, sì che mai con tale
Forza e poter comando non avea
Donn’Hèlche. E lor fu d’uopo a lei servire
Fino alla morte sua. Ma quella reggia
E quella terra ancor stettero in tanto
295Onore da que’ dì, che in ogni tempo
Altri vi rinvenìa feste e sollazzi
Di quella guisa che il cor di ciascuno
Avea desìo; ciò per amor del prence
E di Kriemhilde per l’ambita grazia.



Note

  1. Orda tatarica stabilitasi sul Don e sul Danubio dopo l’XI secolo.
  2. Passo oscuro e diversamente interpretato. Ritiravano i dardi già incoccati per vibrar con maggior forza (?).
  3. Kriemhilde, loro novella signora.
  4. Etzel.
  5. Tutto il corteo nuziale.
  6. Migliore di questa, ora che Kriemhilde era là.