Apri il menu principale
../Avventura Ventesima

../Avventura Ventiduesima IncludiIntestazione 8 giugno 2019 75% Da definire

Anonimo - I Nibelunghi (XIII secolo)
Traduzione dall'alto tedesco medio di Italo Pizzi (1889)
Avventura Ventunesima
Avventura Ventesima Avventura Ventiduesima

[p. 405 modifica]

Avventura Ventunesima

In che modo Kriemhilde si recò fra gli Unni


     Lasciam que’ messi cavalcar. Ci è d’uopo
Rendervi noto di qual guisa mai
Per quella terra la regina andava,
O come Giselhèr, Gernòt con esso,
5Da lei si separò. Come lor fede
Impose, essi le avean fatto servigio.
     Fino al Danubio, a Verge, ei cavalcare,
Là incominciarno a chiedere commiato
Alla regina, chè tornar voleano
10Al Reno cavalcando. Oh! ma cotesto,
Fra veri amici, senza lagrimare
Avvenir non potè! Gislhero ardito
Alla sorella così disse: O donna,

[p. 406 modifica]

Quando mai tu di me ti avra’ bisogno,
15Se alcuna cosa avvenga, e tu cotesto
Rendimi noto. Al tuo servigio, in quella
D’Ètzel contrada, sì verrò. — Congiunti
Quanti erano di lei, lei nella bocca
Baciarono, e in quell’ora, oh! quanti vidersi
20Amorosi commiati! e si prendeano
Di Rüedgero margravio dalla gente.
Ma la regina molte adorne e belle
Giovinette menava, e cento e quattro
Ell’erano e ricchissime lor vesti
25Portavano, di drappi artificiosa-
mente dipinti e di gran prezzo. Molti
Ampi scudi recava altri, alle donne
Vicino, per la via. Ma, da quel loco,
A dietro si tornâr de’ cavalieri
30D’inclita stirpe molti assai, e quelli
Di là ratto partìan giù per la terra
De’ Bavari; e si disser le novelle,
E là corsero molti, ospiti ignoti,
Là ’ve ora sorge un monastero, dove
35L’Inn si cala in Danubio in sua corrente.

[p. 407 modifica]

     Di Passavia in città stavasi un vescovo,
E là vuotossi ogni dimora, e quella
Casa del prence ancor,1 chè incontro
                                                         agli ospiti
40Quelli ne andâr, de’ Bavari in la terra,
Al loco, ove incontrò Kriemhilde bella
Vescovo Pellegrino. Ai cavalieri
Di quella terra già non fu cotesto
Cagion di doglia, se cotante adorne
45E vaghe ancelle videro colei
Seguir da presso. Amoreggiâr per gli occhi
Con quelle di lodati cavalieri
Nobili figlie, e acconci alberghi intanto
Furo assegnati agli stranieri illustri.
     50Ma cavalcò fino a Passavia il vescovo
Con la nipote sua. Come fu detto
A que’ borghesi di città che tosto
Venìa Kriemhilde, figlia a la sorella

[p. 408 modifica]

Del lor prence e signor,2 da’ mercatanti
55Ella fu accolta onestamente, e il vescovo
Avea desìo ch’ella restasse alquanto;
Ma disse in ciò prence Eckewardo: Questo
Non si farà, chè scendere ci è d’uopo
Di Rüedgero alla terra, e là ben molti
60Cavalieri ci attendono, e cotesto
Là si fe’ noto a tutti.3 — Udìane intanto
Gotelinde leggiadra il lieto annunzio,
E con cura apprestavasi, e con lei
La nobile sua figlia. Aveale in pria
65Rüedgero indetto sì parergli acconcio
Ch’ella frattanto il cor della regina
Confortar si volesse, e però incontro
Colei le cavalcò, là fino all’Ensa,
Con tutti uomini suoi. Come si fea
70Di tal guisa cotesto, ecco! fûr viste
Tumultüar le vie da tutte parti,

[p. 409 modifica]

E quelli, in sella e a piedi, incontro agli ospiti
Ad ire incominciâr. Già in Everdinga
Era venuta la regina. E molti
75Della terra de’ Bavari, alla via
Ove dato lor fosse in lor costume
Far ladronecci, volentieri assai
Danno avrìan fatto agli ospiti. Cotesto
Il nobile margravio tolse via,
80Che cavalieri mille e più d’assai
Ei menava con sè. Giugnea frattanto
Gotelinde, la donna di Rüedgero,
E giunsero con lei molti gagliardi
Nobili e illustri. Come andâr ne’ campi,
85Dalla Truna di là, vicino all’Ensa,
Tende fûr viste e padiglioni intorno
Spiegati ovunque, chè notturno ostello
Quivi tenersi agli ospiti fu d’uopo,
E agli ospiti frattanto ogni lor spesa
90Per Rüedgero si fea. Ma Gotelinde,
Leggiadra e vaga, dietro a sè gli alberghi
Si lasciò. Pel sentier, con tintinnio
Di redini, venìan molti e assestati

[p. 410 modifica]

I palafreni, e fûro oneste assai
95Le accoglienze, e ciò feasi in lieta guisa
Per Rüedgero. Ma quanti per la via
D’ambe scendean le parti, or cavalcar
In laudabile foggia, ed eran molti
I valorosi assai. Cavallereschi
100Ei fean loro esercizi, e ciò ammiravano
Molte fanciulle; ancor, della regina
Grave il servigio a’ cavalier non parve.
     Come agli ospiti accanto di Rüedgero
Venìano i prodi, andarne al ciel fûr visti
105Molti tronconi da le man de’ forti,
Qual è costume a’ cavalieri. Intanto,
A le donne dinanzi cavalcavasi
Per laudabile gloria. E poi che il gioco
Elli troncâr, tutti ei si fean saluti
110Onestamente assai. Di là fu addotta
Gotelinde leggiadra ove Kriemhilde
Ella scoverse, e chi potea servigi
A le donne prestar, picciolo invero
Agio si avea. Di Bechelara il prence
115Cavalcando venìa dalla sua donna,

[p. 411 modifica]

E alla nobil margravia, oh! non fu duro
Che incolume così si ritornasse
Egli dal Reno. La sua angoscia, in parte,
Da gran gioia fu vinta. E poi che accolta
120Ei così l’ebbe, anche indicea che scendere
Ella dovesse con le donne sue,
Quant’eran seco, sovra l’erba, e allora
Molti e di molto affaccendârsi prodi
Incliti, cd altri con gran cura intanto
125Venìa prestando suoi servigi a donne.
     Donna Kriemhilde là vedea con quelle
Ancelle sue restarsi la margravia,
Nè volle andar più presso. Ella a ritrarre
Cominciò con le briglie il palafreno
130E cenno fe’ che ratto altri di sella
Tôr la dovesse. E il vescovo si vide
Guidar vêr Gotelinde, insieme a Eckwardo,
Di sua suora la figlia. Un gran ritrarsi
A dietro in quell’istante là si fea,
135Da tutti, e la straniera4 baciò in bocca

[p. 412 modifica]

Gotelinde, e costei, donna a Rüedgero,
Con molto amor dicea: Gran bene è questo,
Dolce signora, a me, ch’io con quest’occhi
Abbia pur visto ne la terra mia
140Vostra bella persona. Oh! più gradita
Cosa non m’avverrà da questi giorni!
     Vi ricompensi Iddio, dicea Kriemhilde,
Nobile Gotelinde. Ov’io rimanga
Aitante così con quei ch’è figlio
145Di Botelungo,5 potrìa dolce cosa
Tornare a voi, perchè vista mi abbiate.
     Non era in ambedue di ciò che un tempo
Era d’uopo accader, notizia certa!
     In gentile atto l’una all’altra incontro
150Venìan molte donzelle, e i cavalieri
A’ lor servigi erano presti, e quelle
Sedean, dopo i saluti, in su l’erbetta,
E novelle apprendean, molte, che in pria
Lor fûro ignote. Mescere del vino

[p. 413 modifica]

155A le donne fu ingiunto, ed era allora
A mezzo il corso il dì; nè lungamente
Là si restò la nobil compagnia,
Ma venìan tosto là ’ve tende assai
Trovaron ampie. Agli ospiti famosi
160Molti e grandi servigi erano presti.
     La notte in fino al dì, di gran mattino,
Avean riposo, e quei di Bechelara
Intanto s’apprestâr di qual mai guisa
Cotanti ospiti illustri elli doveano
165In alloggi appostar. Ma già Rüedgero,
Perchè di nulla avesser mancamento,
Data cura si avea. Starsi fûr viste
Là su le mura le finestre aperte,
Di Bechelara schiuso era il castello,
170E gli ospiti, che assai vedea la gente
Volentieri, v’entrâr. L’ospite sire,
Nobile assai, fe’ cenno che ogni agio
Si procacciasse a lor. Con le sue ancelle
Là di Rüedgero discendea la figlia,
175Là ’ve con molto amore ella accogliea
La regina, e di lei v’era la madre,

[p. 414 modifica]

Del margravio la donna. Oh! con amore
Fûr salutate giovinette6 assai!
     Per mano si prendean, di là venièno
180Alla vasta magione; e ben costrutta
Ell’era assai; di sotto le scorrea
Il Danubio. Di contro all’aria fresca
Quelle sedean, sì che d’assai di tanto
Avean conforto. Ciò che in più si fea
185Là, non poss’io ridir. Perchè sì lento
Era il vïaggio, udìansi i cavalieri
Di Kriemhilde crucciarsi, ed era questa
Rancura a tutti lor. Deh! quanti prodi
Guerrieri si partìan da Bechelara
190Insiem con essi! Amorevol servigio
Rüedgero loro offrìa; ma la regina
Dodici anelli fulgidi porgea
Di Gotelinde alla figliuola, ancora
Vestimenta leggiadre, onde più belle
195D’Ètzel non ne portava essa nel regno.
     Benché dei Nibelunghi a lei rapito

[p. 415 modifica]

Fosse il tesoro, ognun che la vedea,
A sè benigno ella si fe’ con piccola
Parte che averne erale dato ancora,
200E a’ famigli dell’ospite signore
Da lei doni d’assai si fean pur anco;
E, di rincontro, donna Gotelinde
Di cotal guisa agli ospiti del Reno
Fea le oneste accoglienze, che d’assai
205Pochi si rinvenìan fra gli stranieri,7
Che di lei non recassero le gemme,
Le vestimcnta ricche assai. Ma quando
Tocco ebber cibo e già dovean partirsi,
Da lei, signora de l’ostel, fedeli
210Si offrîr servigi d’Ètzel a la sposa,
E la regina fea carezze a quella
Di lei figlia leggiadra. Alla regina
Così dicea costei: Quando vi sembri
Onesta cosa, bene io so che il mio
215Padre diletto volentier da voi
M’invïerà, degli Unni nella terra.

[p. 416 modifica]

     Ch’era fedel costei, donna Kriemhilde
Ben vide allora. E già li palafreni
Erano presti e già venuti innanzi
220A Bechelara, e l’inclita regina
Di Rüedgèr dalla sposa e da la sua
Figlia prcndea commiato. Or, salutando,
Molte si separâr vaghe fanciulle.
     Dopo que’ giorni, raramente assai8
225L’una con l’altra si vedean. Recate
Fûr su le mani fuor di Medelicke9
Molte ed in or splendide tazze, e in quelle
Portavasi del vino in su la via
Agli ospiti; ei doveano i benvenuti
230Esser davvero. Un sire ivi sedea;
Detto era Astoldo. In Osterlànd10 la via
Ei lor mostrò lungo il Danubio, fino
A Mutara;11 e servigi anche prestârsi

[p. 417 modifica]

Alla nobil regina. Ivi da quella
235Nipote sua, con atto affettüoso,
Separavasi il vescovo. Oh! con quanto
Ardore ei le augurò ch’ella sì stesse
Lieta e beata e s’acquistasse onore
Sì come fece Hèlche regina! Oh! quanto
240Grande l’onor ch’ella ebbe poi fra gli Unni!
     Poscia fino al Treisèm12 furono addotti
Gli ospiti, e gli scorgean con molta cura
Di Rüedgero i gagliardi in fin che giunsero
A quella terra cavalcando gli Unni.
245Allora, alla regina, oh! grande onore
Noto si fea! Presso al Treisèm il sire
Degli Unni aveva un opulento borgo
Che Treisenmùre13 si dicea. Dimora
Ebbevi un tempo Hèlche regina e grandi
250Virtù v’esercitò, quali non mai
Avverârsi dipoi, se ciò non fece
Kriemhilde, qual potea, sì come quella,

[p. 418 modifica]

Suoi doni dispensar. Dopo cotanto
Dolor di lei, con molta gioia assai
255Ella viver potea, sì che affermavanle
Onor d’Ètzel i prodi, e tanto onore
In gran pienezza appo que’ forti ell’ebbe.
     E d’Ètzel signorìa nota era allora
Ampiamente; i più arditi cavalieri
260In ogni tempo alla sua reggia, quali
Rinvenir si potean tra gl’infedeli
E la gente di Cristo. Erano tutti
Seco allora venuti.14 In ogni tempo,
Ciò che mai non avvenne, erangli al fianco
265Gente di Cristo devota alla fede,
Gente pagana ancor. Qualunque fosse
Ragion di vita d’ognun d’essi, tanto
Fea del sire bontà, che a quelli tutti
Davasi e concedea ciò che bastava.


Note

  1. Il principe vescovo, Pellegrino, fratello di Ute e zio di Kriemhilde.
  2. Il vescovo Pellegrino.
  3. Per mezzo dei messaggieri mandati innanzi.
  4. Kriemhilde.
  5. Etzel.
  6. Forse le ancelle di Kriemhilde
  7. Gli ospiti de! Reno.
  8. Per dire: mai più.
  9. Melk sul Danubio.
  10. Austria.
  11. Mautern.
  12. Fiume tributario del Danubio.
  13. Ora Trasmaur, la Trigisamum dei Romani.
  14. Per andar incontro a Kriemhilde.