Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/384


INDICE 381


Il Bandello al molto gentile e leale mercatante genovese messere Antonio Sbarroia salute ||
   » 255
Novella XXIII (XXIV). — Il Gonnella fa una piacevole befla al marchese Nicolò da Este, signor di Ferrara e suo padrone ||
   » 256
Il Bandello al magnifico e strenuo soldato messer Tomaso Ronco da Modena luogotenente del colonnello del valoroso signor conte Annibaie Gonzaga di Nuvolare salute ||
   » 263
NOVELLA XXIV (XXV). — Ridicola e vituperosa beila fatta da uno bergamasco a Fracasso da Bergamo, che, credendo profumarsi la barba e capelli di odorata composizione, si impastricciò di fetente sterco ||
   » 264
Il Bandello al molto illustre signore il signore Berlingieri Caldora conte di Riso e colonnello in Piemonte del re cristianissimo salute ||
   » 269
Novella XXV (XXVI). — Ciò che facesse una ricca, nobile e forte bella gentildonna rimasa vedova. Né piú si volendo rimaritare né possendo contenersi, con che astuzia provide a li suoi bisogni ||
   » 270
Il Bandello al vertuoso e dotto messer Paolo Silvio suo salute ||
   » 279
Novella XXVI (XXVII). — Il Gonnella fa una burla a la marchesa di Ferrara e insiememente a la propria moglie; e volendo essa marchesa di lui vendicarsi, egli con subito argomento si libera ||
   » 280
Il Bandello a monsignor Guglielmo Lurio signor di Lunga, senatore regio a Bordeos, signor suo onorando, salute ||
   » 287
Novella XXVII (I). — Simone Turchi ha nemistá con Geronimo Deodati lucchese. Seco si riconcilia, e poi con inaudita maniera lo ammazza, ed egli vivo è arso in Anversa ||
   » 289
Il Bandello al magnifico ed eccellente dottore de le cesaree leggi e pontificie messer Gian Pietro Usperto salute ||
   » 307
Novella XXVIII. — Uno drappieri di Lione, per andar la notte a giacersi con una sposa, fece certi patti con uno suo garzone di bottega, e lo fa corcarsi in letto appo la moglie. Il giovane, scordatosi li patti, tutta la notte amorosamente se prese piacere con la padrona, e ciò che poi avenne ||
   » 309


APPENDICE

Dedicatorie degli editori Vincenzo Busdrago

e Alessandro Marsili.


I. Al magnifico ed illustrissimo signor il signor Alberigo Cibo Malaspina marchese di Massa, signor suo osservandissimo ||
   » 321
II. Al nobilissimo signor Luca Grilli Vincenzo Busdrago ||
   » 323