Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/266


IL BANDELLO

al magnifico e strenuo soldato

messer

tomaso ronco da modena

luogotenente del colonnello del valoroso signor conte

Annibale Gonzaga di Nuvolara

salute


Sono alcuni uomini in diversi paesi, che per Io piú di loro hanno certe nature molto differenti dagli altri; e dove vi corre il guadagno di uno quattrino, non conosceno amico né parente, attendendo solamente al profitto loro particolare. Altri, se bisogna che vivano a le proprie spese, se si metteno per caminare da luoco a luoco, non ti credere che vadano troppo a l’osteria, ma compreranno uno pane e uno bicchiero di vino, e la menano piú stretta che sia possibile. Di questa sorte sono communemente bergamaschi e spagnuoli, dico gente del contado, perché ho conosciuti molti gentiluomini de l’una e l’altra nazione che viveno splendidamente e invitano questi e quelli a mangiare con loro. Vanno bergamaschi per tutte le parti del mondo, ina non faranno spesa di piú di quattro quattrini il giorno, né troppo si corcano in letto e se ne vanno a dormire su la paglia. Che dirò io di que’ spagnuoli plebei che chiamano «bisogni », che vengono in Italia con le scarpe di corda? Molti di loro non hanno in Ispagna né casa né possessione, e se hanno pane e ravanelli con acqua, trionfano; ma come sono in Italia, tutti sono signori, e vogliono cibi eletti e del migliore vino che trovar si possa. Li tedeschi sono molto facili da contentare: dá loro buono vino, e il tutto stará bene. Francesi, ancora che siano contadini, tutto ciò che guadagnano lo mangiano a l’osteria, e sono cortesi e largamente invitano ciascuno a ber