Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/267


e. 2Ó4 PARTE QUARTA Li gentiluomini tutti il di sono su il banchettare e onorare gli stranieri. Ragionandosi questi in Pinaruolo di simili materie in una buona compagnia, e particolarmente dicendosi di certo sol¬ dato bergamasco che era la idea de la miseria, narrò Angelo Travagliato a cotesto proposito una piacevole novella. Questo Angelo Travagliato sono più di quaranta anni che in arme bianche serve la illustrissima casa Fregosa, prima sotto l’illu¬ strissimo signor Gian Fregoso, poi sotto il signor Cesare suo figliuolo, che al presente è luogotenente generale in Italia del re cristianissimo. Avendo dunque la novella descritta, al nome vostro la ho intitolata in testimonio de la nostra commune be¬ nevolenza. State sano. NOVELLA XXIV (XXV) Ridicola e vituperosa beflà falla da uno bergamasco a Fracasso da Bergamo, che, credendo profumarsi la barba e capelli di odorata composizione, si impastricciò di fetente sterco. Tutti che qui, valorosi soldati, séte, di che materia ragio¬ nato si sia, avete udito. E volendovi io parlare di certi strani costumi di uno contadino bergamasco, vi dico che il signore Cesare Fregoso, essendo ancora molto giovanetto, che ora luo¬ gotenente vedete del re cristianissimo in Italia, era capitano de la serenissima Signoria di Venezia di uomini d’arme. Egli fu sempre molto prode e valente de la persona sua, e di ottimo governo cerca li soldati. Il che in molti luochi, ne lo stato di Milano, su quello di Urbino, quando aiutò a ricuperare lo stato al signor Francesco Maria da la Rovere, e in Toscana, sempre ha dimostrato. Ora, avendo egli le stanze su quello di Verona, teneva una casa in Cittadella e, perché era giovane e innamo¬ rato, si dilettava mirabilemente di vari odori e vi spendeva assai, facendone in gran copia venire da Genoa. E quando in casa vi venivano cittadini di Verona o soldati buoni compagni, tutti li profumava. Ora egli, tra la numerosa famiglia che teneva, aveva uno che Io serviva di cancelliero, ben che pessimamente scrivesse e non sapesse mettere insieme diece righe, che non