Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/421


indice 415

vile, in sua assenza, chiede consiglio ad un uomo d’arme,
esperto delle questioni d’onore, per vendicarsi, com’è suo diritto 326
xxiv. Della signora Veronica Franca. Rimprovero cortese ad uno, che per ira ha offeso una donna, e per poco non l’ha percossa 332
xxv. Della signora Veronica Franca. In lode di Fumane, luogo dell’illustrissimo signor conte Marcantonio della Torre, preposto di Verona 337

II. Sonetti.

i. Ad Enrico terzo di Francia, che, partendo da lei, ha gradito un suo ritratto, in ricordo 353
ii. Sullo stesso argomento 354
iii. Nel dottorato del signor Gioseppe Spinelli, rettore de’ legisti a Padova ivi
iv. Al colonnello Francesco Martinengo, conte di Malpaga, in morte di Estor, suo fratello 355
v-xii. Allo stesso 355-359
xiii. A Bartolomeo Zacco. In memoria di Daria, figlia di lui 359
xiv. Allo stesso. Convertita, lo ringrazia d’averla lodata 360
xv. Elevazione e conversione n ivi
xvi. In lode della Semiramis di Muzio Manfredi 361
Nota 363
Indice dei capoversi 387
Correzioni 401