Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/25

 
Valorosamente combattendo si difendono da gli assalti di Francesco Maria primo Duca d’Urbino. 105
Tempij, Monasterij, e Luoghi Pij, che eretti si trovano in Fano. 106
Territorio fecondissimo del medemo. 106
Santi della primissima Chiesa, che illustrano Fano. 106
Mondavio Terra nobile, con altre molte già soggette à Fano. 106
Fossambrone, e suoi Autori. 117
Procuratori d’Augusto rissiedono in Fossambrone. 118
Fabriche superbe da’ Romani erette in Fossambrone. 118
Cittadini Fossambronesi de’ officij degni da’ Romani honorati. 118
Fossambrone distrutto da Longobardi, da’ suoi Cittadini si riedifica. 118
Ponte di pietra fina sopre il Metauro inarcato in Fossambrone. 119
Fossambrone da gli Estensi passa al Dominio de’ Malatesti. 119
Comprato da’ Feltreschi resta soggetto à gli Duchi della Rovere. 119
Accresciuto da Francesco Maria ultimo Duca d’Urbino. 120
Saccheggiato, e di mura smantellato da’ Fanesi. 120
Da villani del suo Territorio senza cagione distrutto. 120
Rovinato da Cesare Borgia, e da Lorenzino de’ Medici. 120
Nella primitiva Chiesa ottiene il Vescovo. 120
Diocese sua già grande, e di presente mediocre. 121
Reliquie insigni di molti Santi in esso si trovano. 121
Barco delitioso non longi da Fossambrone, vicino alla strada Romana s’incontra. 121
Arti diverse ingegnose, che si essercitano in Fossambrone. 121
Huomini Illustri, che da Fossambrone uscirono. 121
Fratte Castello al pari di grossa Terra honorato da i Duchi d’Urbino. 149
Iesi Città illustre trà confini de’ Senoni situata. 133
Da’ Pelasgi in quel sito eretta. 133
Isola Fossara Contea de’ Signori Odagi. 133
Giulio Cesare Odagi Conte dell’Isola in ogni scienza versato. 180
Luciolo, Isuvio, Iufico, e Sentino Cittadi già ne gli Apennini fondate, che la contrada Senonia fronteggiano. 146. & 147
Macerata di Monte Feltro dalle rovine edificata di Pettino. 138
Nella devotione dello Stato d’Urbino torna alla Chiesa. 138
Di molti huomini famosi è stata Madre. 139
Nel suo Territorio s’ingenera in gran copia il solfo. 139
Massa Trabaria da’ travi, che da essa altrove si trasportano di tal nome si appella. 140
Mercatello Terra Municipale nobile, e ricca. 145
Già à niun’ Vescovo soggetta, al suo Arciprete nello spirituale,