Canti (Sole)/Al rosignuolo

Poesie

../Pel filo elettrico dei due mondi ../La vita IncludiIntestazione 26 maggio 2011 100% Poesie

Pel filo elettrico dei due mondi La vita
[p. 150 modifica]

AL ROSIGNUOLO



Amo i lunghi silenzi, e le tranquille
     Ore notturne, e la solinga stanza,
     E i cieli azzurri, e le dormenti ville,
     E l’aurea luna che sui boschi avanza;
     Amo le stelle radïanti a mille,5
     Amo i monti sfumati in lontananza;
     E canto, e pari al mormorante rio
     Corre povero e bruno il verso mio.

Tu da l’intima valle, ove ti ascondi,
     Compagno di mie veglie, o rosignuolo,10
     La mia canzone de la tua secondi,
     Come per vera simpatia di duolo.
     Mentre plori notturno e a me rispondi
     Di siepe in siepe studiando il volo,
     Segreta illusion mi rassecura15
     D’un consorte di gioie e di sventura.

O rosignuol de la mia valle! Spesso
     Da quel verone, che in eterno è chiuso,
     Felice udii codesto canto istesso,
     Che vieni ogni anno a rinnovar per uso.20

[p. 151 modifica]

     Un caro angiolo amante erami presso,
     E il suo canto salia col tuo confuso:
     Oggi quel canto, o rosignuol, rinnovi,
     E me felice e l’angiol mio non trovi!

Melodioso augello! Or chi ti apprese25
     Sì ricca vena di elegie soavi?
     Chi nel picciolo tuo gutture intese
     Cotante corde armoniose e gravi?
     Ove, cantando, vai? Da che paese,
     Da che regni di luce a noi migravi?30
     Vago e melodioso atomo, or quale
     Spirto errante t’informa il petto e l’ale?

Nato presso la curva onda d’un fiume,
     O per valli odorate in nido umile,
     D’un modesto color tinto le piume,35
     Pien di gemiti arcani il sen gentile,
     Cantor vegliante de le stelle al lume,
     Primo sospir del giovinetto aprile,
     Le penne, il nido, le vigilie, il canto,
     Tutto in te pare armonizzato al pianto.40

Però sei caro ove che canti e voli,
     Entro i salci de’ fiumi o degli avelli,
     O per gli orti de’ claustri ove ti duoli,
     E a le romite vergini favelli,
     O il disperato prigionier consoli45
     Del carcere vagando appo i cancelli,
     Sempre caro tu sei, musico errante,
     Tra i fiori de l’occaso e del levante.

[p. 152 modifica]


E non ti ascolto mai ch’io non rammenti
     I rosei giorni de l’infanzia mia,50
     Quando al suono de’ tuoi molli concenti
     Così dolce la sera a me venia.
     Tremolavano in ciel gli astri lucenti,
     Le sue brune finestre il borgo apria,
     Splendea la luna per gli eterei piani,55
     E i fochi de’ pastori ardean lontani.

Io da le braccia de la madre allora
     Ascoltando il tuo verso entro al giardino,
     Il picciol fratel mio, che piango ancora,
     Credei tu fossi, o caro usignuolino!60
     E a quell’amata ricordai talora
     Rispondesse benigna al tuo latino;
     Ed ella pur fra sorridente e mesta
     Su la mia fronte dimettea la testa.

E come forte piansi e abbrividii,65
     Ai dolci inganni de la nova scola,
     Quando Attica fanciulla in te scovrii,
     A cui l’onor fu spento e la parola!
     Quanto dolor, quanta pietà sentii
     Di te, fanciulla abbandonata e sola,70
     Che presa da vergogna e da spavento
     A la notte fidavi il tuo lamento.

D’allor, se al vespertin raggio cadente,
     Del fiumicel natio lungo la riva,
     Il tuo gorgheggio, o rosignuol dolente,75
     Da l’odorata ombra de’ pioppi usciva,

[p. 153 modifica]

     Il mio tenero petto infantilmente
     A una gentil melanconia si apriva,
     E mi obbliai talora in su la sponda
     A le tue note ed al romor de l’onda.80

Pur come van cadendo innanzi al sole
     Gli aerei veli d’un mattin sincero,
     Quelle vetuste ed innocenti fole
     Mi cadean da la mente innanzi al vero.
     Abbandonai le patrie montagnole,85
     De le ricche città presi il sentiero;
     A te, caro usignuol, volsi le spalle,
     Nè più ti udii da la natal mia valle.

Se non che spesso, a le sonanti scene,
     O fra le danze di vegliate sale,90
     Le natie ripensai campagne amene,
     E l’opaca de’ gelsi ombra ospitale;
     E l’alte del tuo canto onde serene
     Su la pura correnti aura natale;
     Chè la musica tua, manco fremente,95
     È più vera, più casta e più possente.

Per lungo udirti, o rosignuol, tu mai
     Meno atteso non torni e men gradito;
     E non echeggi di bugiardi lai,
     E non imprechi, o rosignuol romito!100
     Per lunga prova fastidir non sai,
     Come le gioie de l’uman convito:
     Anche dispoglio de’ fantasmi Elleni
     A le memorie de’ credenti avvieni.

[p. 154 modifica]


Chè se non fosti una real donzella105
     Ne la beltade e ne l’onor tradita,
     Salutavi tu primo in tua favella
     La santa luce di Betlemme uscita;
     Allor che scese una virtù novella
     E in ogni cosa rintegrò la vita;110
     E geminò la notte i suoi splendori,
     E tacque il verno, e s’ingemmò di fiori.

Come ispirato trovador che canti
     Le maraviglie d’una età risorta,
     Le limpide iteravi arie festanti115
     Per quella notte in tanto gaudio assorta:
     E le brevi scotendo ale roranti
     Del mistico fenile in su la porta,
     Gratificavi i primi sonni a Lui,
     Che ne l’Eden compose i canti tui.120

Quanto, solingo augel, quanto al destino
     De l’errante poeta il tuo somiglia!
     Tu peregrino alato, ei peregrino,
     La vostra nota d’una corda è figlia.
     Ei, pel mondo vagando, in suo cammino125
     E fede e speme e carità consiglia;
     E tu dai boschi, ove ramingo aleggi,
     Iddio, l’amore, e la natura inneggi.

Citareggiando per diverse prode
     Egli in premio soventi ha la sventura,130
     E spesso in ceppi, che cantando rode,
     La generosa bile invan matura:

[p. 155 modifica]

     Tu pure, in premio de la tua melode
Languì talora in isleal cattura,
E fra lucenti vimini contesti135
Il tuo dolor, melodïando, attesti.

Spesso dagli aurei tetti, onde tu pendi
Vocal conforto de le mense opime,
Una novella melodia protendi
Più gentile per arte e men sublime.140
Ma spesso al maggio di furor ti accendi
Volto de’colli a le fiorenti cime;
Disperato disio t’arde le vene,
E langui e spiri fra le tue catene.

Tal fra gli agi d’altero inclito ostello145
Alcun poeta il suo vigor smarria,
E indugiando al di qua del tardo avello
Fra’convivi prostrò la poesia:
Ma spesso a turpe obblivion rubello
Altro, più fiero, di rancor peria:150
Pallido e muto su la curva lira
Piega la fronte sconsolata e spira.

Quando nel caro orror de le foreste,
O rosignuol, da lunge inviti al pianto,
La nostra illusa fantasia ti veste155
D’una beltà conveniente al canto.
Niun ti tolga a quel teatro agreste,
Perchè più lungo in noi duri l’incanto;
Chè ne le mani stringerem gualcita
Poca e povera piuma e poca vita.160

[p. 156 modifica]


Oh, così del poeta! Egli al pensiero
     Di che remoto ne deliba il verso,
     Un angiol pare che bandisca il vero
     In sacre note al secolo perverso!
     Lasciam dunque il poeta al suo mistero;165
     Solo e sereno ei canti, in Dio converso!
     Non frughïam fra l’ombre, onde si avvolve,
     Ch’ivi, pentiti, troverem la polve!