Apri il menu principale

Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/321

Pagina 321

../320 ../322 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

320 322

[p. 389 modifica]


*   Una delle prime cagioni della universalità della lingua francese è la sua unicità. Perché la lingua italiana (cosí sento anche la tedesca e forse piú) è piuttosto un complesso di lingue che una lingua sola, potendo tanto variare secondo i vari soggetti e stili e caratteri degli scrittori ec. che quei diversi stili paiono quasi diverse lingue, non avendo presso che alcuna relazione scambievole. Dante, Petrarca e Parini ec. Davanzati, Boccaccio, Casa ec. Vedi p. 244. Dal che, come seguono infiniti e principalissimi vantaggi, cosí anche parecchi svantaggi. 1°, Che lo straniero trova la nostra lingua difficilissima, e intendendo un autore, e passando a un altro, non l’intende (cosí nei greci) 2°, Che potendosi scrivere o parlare italiano senza essere elegante ec. ec. ec., lo scrittore italiano volgare scrive ordinariamente malissimo; cosí il parlatore ec. Al contrario del francese, dove la strada essendo una e chiusa da parte e parte, non parla francese chi non parla bene; e perciò quasi tutti i francesi scrivono e parlano elegantemente, ma sempre di una stessa eleganza; e quanto al piú e il meno, le differenze sono [p. 390 modifica]cosí piccole,