Pagina:Leonardo - Trattato della pittura, 1890.djvu/382


360. Della disposizione delle membra secondo le figure

361. Della qualità delle membra secondo l'età

362. Della varietà de' visi

363. Della membrificazione degli animali

364. Come la figura non sarà laudabile s'essa non mostra la passione dell'animo

365. Come le mani e le braccia in tutte le loro operazioni hanno da dimostrare l'intenzione del loro motore il più che si può

366. De' moti appropriati alla mente del mobile

367. Come gli atti mentali muovano la persona in primo grado di facilità e comodità

368. Del moto nato dalla mente mediante l'obietto

369. De' moti comuni

370. Del moto degli animali

371. Che ogni membro per sè sia proporzionato a tutto il suo corpo

372. Che se le figure non esprimono la mente sono due volte morte

373. Dell'osservanza del decoro

374. Dell'età delle figure

375. Qualità d'uomini ne' componimenti delle istorie

376. Del figurare uno che parli infra più persone

377. Come si deve fare una figura irata

378. Come si figura un disperato

379. Delle convenienze delle membra

380. Del ridere e del piangere e differenza loro

381. De' posati d'infanti

382. De' posati di femmine e di giovanetti

383. Del rizzarsi l'uomo da sedere di sito piano

384. Del saltare, e che cosa aumenta il salto

385. Del moto delle figure nello spingere o tirare

386. Dell'uomo che vuol trarre una cosa fuor di sè con grand'impeto

387. Perchè quello che vuol ficcare tirando il ferro in terra, alza la gamba opposita incurvata

388. Ponderazione de' corpi che non si muovono

389. Dell'uomo che posa sopra i suoi due piedi, che dà di sè più peso all'uno che all'altro

390. De' posati delle figure

391. Della ponderazione dell'uomo nel fermarsi sopra i suoi piedi

392. Del moto locale più o meno veloce

393. Degli animali da quattro piedi, e come si muovono

394. Delle corrispondenze che ha la metà dell'uomo con l'altra metà

395. Come nel saltare dell'uomo in alto vi si trovano tre moti

396. Che è impossibile che una memoria riserbi tutti gli aspetti e le mutazioni delle membra

397. Delle prime quattro parti che si richiedono alla figura

398. Discorso sopra il pratico

399. Della pratica cercata con gran sollecitudine dal pittore

400. Del giudicare il pittore le sue opere e quelle d'altrui

401. Del giudicare il pittore la sua pittura

402. Come lo specchio è il maestro de' pittori

403. Come si deve conoscere una buona pittura e che qualità deve avere per essere buona

404. Come la vera pittura stia nella superficie dello specchio piano

405. Qual pittura è più laudabile

406. Qual è il primo obietto intenzionale del pittore

407. Quale è più importante, nella pittura, o le ombre o i loro lineamenti

408. Come si deve dare il lume alle figure

409. Dove deve star quello che risguarda la pittura

410. Come si deve porre alto il punto

411. Che le figure piccole non debbono per ragione esser finite

412. Che campo deve usare il pittore alle sue opere