Pagina:Le cento novelle antiche.djvu/156


137

Qui appresso scriveremo per nome le Novelle, cioè le robriche, per meglio ritrovarle sanza troppo cercarne.


Nella prima rubrica si è il Prologo. Novella I. ||
 5
D’una ambasceria la quale fece il Presto Giovanni al nobile imperator Federigo. Novella II. ||
 7
D’un savio greco ch’uno re teneva in prigione, come giudicò d’un destriere. Novella III. ||
 10
Come un giullare si compianse dinanzi ad Alessandro d’un cavaliere, al quale elli avea donato per intenzione che ’l cavaliere li donerebbe ciò che Alessandro li donasse. Novella IV. ||
 13
Come uno re conmise una risposta a un suo giovane figliuolo, la quale dovea fare ad ambasciadori di Grecia. Novella V. ||
 15
Come a David re venne in pensiero di volere al postutto sapere quanti fossero e sudditi suoi. Novella VI. ||
 17
Qui conta come l'angelo parlò a Salamone, e disse che torrebbe Domeneddio il reame al figliuolo per li suoi peccati. Novella VII ||
 18
Come un figliuolo d’un re donò a un re di Siria scacciato. Novella VIII ||
 21
Qui si ditermina una questione e sentenzia che fu data in Alessandria. Novella IX. ||
 23