Le odi e i frammenti (Pindaro)/Odi per Tebe

Odi per Tebe

../Odi per Opunte, Corinto, Rodi ../Odi per Atene IncludiIntestazione 3 giugno 2022 100% Da definire

Pindaro - Le odi e i frammenti (518 a.C. / 438 a.C.)
Traduzione di Ettore Romagnoli (1927)
Odi per Tebe
Odi per Opunte, Corinto, Rodi Odi per Atene
[p. 1 modifica]

ODI PER TEBE

Indice


[p. 3 modifica]


Pei vincitori tebani Pindaro scrisse, o, meglio, ci rimangono quattro odi. E in una di esse, il poeta assevera che per lui il pensiero della patria va sopra ogni altro (Istmica I, v. I):

Madre mia, Tebe dal clipeo d’or, le tue gesta
preporre a ogni cómpito io voglio.
.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .
Cosa piú cara, pei buoni, v’ha di chi a luce lo diede?

Ma, ad onta di tale affermazione, non direi che nelle odi tebane culmini o arda la ispirazione del poeta. Neppure vanno tra le scadenti. Ma, per quanto Pindaro chiami da sé mirabile l’ode per Melisso (Istmica III, 47), in complesso non reggono il confronto con le siciliane, con le cirenaiche, con quella scritta per Rodi.

È anche notevole la scarsità dei miti. Poche città della Grecia potevano emulare, per ricchezza mitica, la città di Cadmo; e nella introduzione alla ode per Strepsiade, il poeta si mostra come smarrito in mezzo a tanta abbondanza. Ma di tale abbondanza non fruisce né in questa né nelle altre odi di questo gruppo. Anzi, ricorre spesso a miti ed eroi forestieri: Clitennestra, Oreste, Arsinoe (Pitica XI, 20), Agamennone e Cassandra (ivi, 38), Pegaso e Bellerofonte (Istmica VII, 55), Aiace (Istmica III, 63). E tanto questi quanto i miti che [p. 4 modifica] hanno attinenza con Tebe (Eracle ed Antèo, Istmica III, 63, Eracle e Cerbero, Istmica I, 14) sono accennati e non mai svolti. Il poeta tocca appena, e si svia, quasi impaziente. E poiché, d’altronde, abbiamo oramai visto come alla pienezza della sua ispirazione corrispondano sempre i piú ampî e fioriti sviluppi mitici, si presenta ovvia la conclusione che in realtà il pensiero e l’affetto della città patria non animasse e non eccitasse troppo la fantasia del poeta.


Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0007.png