Traduzioni e riduzioni/Dall'Odissea/La canzone del ritorno

../Invocazione alla Musa

../L'orto d'Alcinoo IncludiIntestazione 7 luglio 2020 75% Da definire

Dall'Odissea - Invocazione alla Musa Dall'Odissea - L'orto d'Alcinoo
[p. 51 modifica]


la canzone del ritorno

     Loro il cantore cantava, molto inclito; ed essi in silenzio
stavano assisi ad udire: e’ cantava il ritorno da Troia
tristo, che aveva agli Achei destinato già Pallade Atena.
     E dalle stanze di sopra sentì nel suo cuor la canzone
— voce di dei — la prudente Penelope figlia d’icario:
per la sublime scalèa della casa discese: non sola;
anche due agili ancelle venivano insieme con essa.
Quando da’ suoi chieditori fu giunta, la splendida donna,
sul limitare sostò della sala costrutta con arte, —
prima alle guance però s’era tratto il sottile suo velo —
ed ai due lati di lei si fermarono l’agili ancelle.
Ruppe in un subito pianto e parlava al divino cantore:
     “Femio, poichè tu parecchie ne sai di codeste malie,

[p. 52 modifica]

d’uomini gesta e di dei cui celebri fanno i cantori,
cantane alcuna sedendo costi, mentre gli altri in silenzio
bevano il vino; ma cessa bensì da codesta canzone
funebre, che seinpremai mi consuma nel petto il mio cuore;
chè sopra tutti me colse un indimenticabile affanno!
tale è la vita per cui mi struggo, pensandoci sempre!„
     E le rispose di contro Telemaco, il savio suo figlio:
“Madre, a che vuoi tu così proibire al soave cantore,
di ricrearci nel modo che il cuore gli detta? Non ci hanno
colpa i cantori: sì Giove, credo io, ce n’ha colpa, che dona
agli affannosi mortali, così come vuole, a ciascuno.
E non ha torto costui di cantar la sventura de’ Danai,
chè delle tante canzoni più lodano gli uomini quella
che, sia qualunque, a chi ode, risuona a l’orecchio più nuova.
Ora sostenga il tuo cuore ed ardisca il tuo animo udire:
chè non fu solo Odissèo, che vi perse il suo di del ritorno,
là nella terra di Troia: vi persero e molti la vita.
Ecco, ritorna alla stanza ed attendi alle proprie tue cure,
bada al telaio, alla rócca, ed ingiungi alle femmine ancelle
d’essere a loro faccende: il parlare, degli uomini tutti
cura ha da essere, e in prima di me, che comando per casa„.
     Ella stupita tra sè, ritornava di nuovo alla casa,
poi che nel cuore ripose il parlare del savio suo figlio,
e risalita alle stanze di su, con le femmine ancelle
ecco piangeva il marito suo caro, Odissèo, fin che il sonno
dolce gittò sulle palpebre a lei l’occhi-lucida Atena.
Ed un vocìo si levò per la sala raccolta nell’ombra.