Stratagemmi/28

Terone

../27 ../29 IncludiIntestazione 17 dicembre 2014 75% Da definire

Polieno - Stratagemmi (II secolo)
Traduzione dal greco di Lelio Carani (1821)
Terone
27 29
[p. 25 modifica]

Terone


Mentre che Terone faceva la giornata co’ Calcedonesi, avvenne ch’eglino si misero a fuggire; e perciò i Siciliani con impeto entrando dentro gli alloggiamenti per saccheggiare le tende, sopraffatti dagl'lberi furono mandati a fil di spada. Il che veggendo Terone mandò alcuni, i quali dovessero girare le tende, e comandò che dalle spalle mettessero il fuoco in quelle. Perché accesa ed inalzata una grande fiamma, i nemici veggendosi spoglieli [p. 26 modifica]glieli delle lor tende, se ne fuggirono alle navi. I quali perseguitati dalli Siciliani ne furono molti ammazzati appresso le stesse navi. Avevano già cominciato la battaglia i Selinunti coi Cartaginesi, e molti di quei ch’erano morti nella giornata giacevano senza sepoltura, ed i nemici menavano le mani, quando, non dando loro il cuore di seppellirli, nè potendo sostenere d’abbandonare i corpi morti senza sepoltura, fecero consiglio di ciò ch’eglino far si dovessero. Terone allora gli promise, purché gli fossero dati trenta servi, i quali potessero tagliar legna, d’andare con essoloro, e di abbruciare i corpi morti, e di fare il Poliandrio, cioè la sepoltura loro: affermando che se eglino fossero stati sopraffatti dà nemici, non era perciò che ne dovesse seguir gran pericolo alla città, perdendo un cittadino, ed il prezzo di trenta schiavi. Lodarono i Selinunti il parer di Terone, e perciò gli diedero piena licenza, ch’egli si pigliasse que’ servi che volesse. Il quale scegliendo i più giovani e più gagliardi, gli menò fuori con le falci, e con le scuri, e con le ascie, affine ch’essi tagliassero legna per potere abbruciare i corpi morti. Ora essendo eglino usciti fuori, persuase loro Terone, che dovessero tramare insidie ai loro padroni; e poi, fatta la sera, se ne ritornò dentro nella città. I quali siccome furono conosciuti dalle sentinelle, ch’erano alle mura, cosi furono ricevuti dentro. Allora Terone tagliate a pezzi le guardie, ed ammazzati di molti cittadini, i quali erano a dormire, occupò la città, e si fece tiranno de’ Selinunti.