Storia segreta/Capo XXII

../Capo XXI

../Xapo XXIII IncludiIntestazione 15 agosto 2010 75% Da definire

Procopio di Cesarea - Storia Segreta (VI secolo)
Traduzione dal greco di Giuseppe Compagnoni (1828)
Capo XXII
Capo XXI Xapo XXIII


[p. 151 modifica]

CAPO XXII.
I Traci e gl’Illirii, alleati de’ Romani, eccitati da lettere di Giustiniano, alzansi contro gli Unni invasori delle terre dell’Imperio, e gli abitanti di questo, già dai nemici saccheggiati, saccheggiano di nuovo. Questi gl’inseguono armati, e ricuperano le loro robe, e le persone condotte via schiave. Trattamento crudele che ne hanno da Giustiniano.

Soventi volte accadde ancora, che i Capi de’Traci e degl’Illirii avessero disegnato di assaltare le truppe degli Unni, e ne fossero poi distolti in virtù di lettere avute da Giustiniano, colle quali proibiva che si desse addosso ai Barbari, la cui amicizia si riguardava come [p. 152 modifica]necessaria ai Romani contro i Goti e gli altri nemici. Ora di tale opportunità, sicuri pel nome di alleati, prevalendosi coloro sia nell’andare, sia nel retrocedere, sui già abbastanza afflitti Romani scagliavinsi in ostil modo, e robe e cose traevano alle case loro, non diversamente che si fosse trattato di Unni, o di Goti. Tocchi da pietà pe’ figli e per le mogli schiave i villani armatisi inseguono que’ ladroni nella loro ritirata, li ammazzano e presine i convogli ricuperano le loro robe. Di questa sì giusta e coraggiosa impresa ecco il frutto, che que’ miseri ebbero. Spediti a loro villaggi da Costantinopoli satelliti, questi que’ villani arrestati con verghe e con altri tormenti martoriarono; e le loro case guastarono, finche a que’ ladroni fossero restituiti i giumenti già stati loro presi.