Per lo spiritismo/XVI

XVI. E a posteriori è possibile, perchè, il medio essendo incosciente e passivo, l'intelligenza che si manifesta può non esser la sua; per lo meno è occulta

../XV ../XVII IncludiIntestazione 22 agosto 2009 75% saggi

XVI. E a posteriori è possibile, perchè, il medio essendo incosciente e passivo, l'intelligenza che si manifesta può non esser la sua; per lo meno è occulta
XV XVII


Dunque sebbene a priori, cioè senza esaminare i fatti, l’ipotesi dell’incosciente del medio sia più naturale, quella dell’intervento dei defunti non si può dire impossibile. Perciò non bisogna dire: «Il medio esiste, e l’anima del morto no, e quindi bisogna ad ogni costo spiegare i fatti colle sole risorse del medio». Bisogna dire invece: «Che il medio esiste, è certo; se l’anima del defunto sopraviva non lo sappiamo: dunque, se si può, bisogna spiegare i fatti medianici col medio; ma se questo assolutamente non basta, ammetteremo tutto quello che è necessario, anche la suggestione mentale, e la telepatia, e i morti, e, se occorre, anche il diavolo».

Ora se esaminiamo la questione a posteriori, cioè esaminando i fatti, cominciamo a constatare che l’intervento dei defunti, non solo non si deve dire impossibile, ma si può dire possibile. Infatti la prima circostanza comune ai fatti medianici è che sono segni di intelligenza. Ora è vero che è necessario un medio, il quale è precisamente un essere intelligente, e che a tutta prima ciò fa supporre che l’intelligenza indicata dai fatti medianici sia la sua. Ma, in primo luogo, il medio può esser necessario, senza esser sufficiente, e quindi senza che il defunto sia inutile; la necessità del medio non esclude la necessità del defunto, come nell’acqua la necessità dell’idrogeno non esclude quella dell’ossigeno. Può darsi che il medio fornisca l’energia fisica e il defunto suggerisca il pensiero. Poi il medio scrivente non sa cosa scrive e non dirige i moti della sua mano; in quanto è scrivente, è un automa; presta il suo braccio, come presterebbe la sua penna, ad un’intelligenza che non conosce; quest’intelligenza è dunque occulta; dunque può non essere la sua; anzi, siccome ordinariamente non si scrive senza volerlo, è probabile che non sia la sua. Quindi l’incoscienza e passività del medio provano almeno la possibilità del defunto.