Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/146

Pagina 146

../145 ../147 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

145 147

[p. 252 modifica] naturalezza della composizione. In secondo luogo, se il promuovere il genio non giova, se gli sproni non l’aiutano, il freno l’ammazza, intendo un freno messogli dagli altri e non dal proprio giudizio. Se questo manca, non ci è rimedio; ma la magistratura letteraria non fa nascere le virtú letterarie, se non ci sono i buoni costumi, intendo il retto giudizio e il buon gusto. Ma se il gusto è corrotto, non gioverà il promulgarlo, il ristabilirlo ec.? Gioverà: voglio dire che le accademie riusciranno a fare che non si scriva piú male, ma non che si scriva bene. L’Arcadia fu stabilita per isbandire il seicentismo. Fu sbandito, ma lo stile Arcadico è un nome derisorio che si dà in Italia a quelle poesie che non sanno di carne né pesce. Ora che rimedio trovereste al cattivo gusto? Ripeto quello che ho detto nel principio dei miei pensieri. Quasi tutte le nazioni colte dopo il loro secol d’oro hanno avuto quello della corruzione e ne sono risorte. Ma dopo questo un numero di scrittori veramente grandi e paragonabili ai primi (dico in letteratura, non in fatto di pensieri, filosofia ec.), insomma un altro secol [p. 253 modifica]d’oro, è un esempio che ancora mi resta da vedere. Negli ottimi secoli i grandi scrittori avevano modelli del buono da seguire, ma non del cattivo da fuggire. Quelli possono giovare, questi nocciono. Dico che i cattivi scrittori che si avevano, sí come non formavano classe, perché il gusto universale era buono, si dimenticavano affatto, e si sapeva a un di presso in generale che non piacevano, piuttosto che perché non piacevano. Certamente l’idea de’ loro vizi non era specificata, né i difetti notati per minuto, e si vede infatti che anche sommi scrittori cadevano in difetti puerili. In somma la scienza del buono e del cattivo non era organizzata né sminuzzata. Il gusto naturale tenea luogo di tutto. Dopo la corruzione i letterati si rialzano tutti sbigottiti. Entrano gli scrupoli, le paure, le sottigliezze. Si pesa