Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1568)/Andrea Tafi

Andrea Tafi

Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1568)/Nicola e Giovanni Pisani Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1568)/Gaddo Gaddi IncludiIntestazione 23 gennaio 2010 50% Biografie

Nicola e Giovanni Pisani Gaddo Gaddi

VITA D’ANDREA TAFI PITTORE FIORENTINO

Sì come recarono non piccola maraviglia le cose di Cimabue, avendo egli dato all’arte della pittura migliore disegno e forma, agl’uomini di que’ tempi, avezzi a non veder se non cose fatte alla maniera greca, così l’opere di musaico d’Andrea Tafi, che fu nei medesimi tempi, furono ammirate, et egli perciò tenuto eccellente anzi divino, non pensando que’ popoli, non usi a veder altro, che in cotale arte meglio operar si potesse. Ma di vero, non essendo egli il più valente uomo del mondo, considerato che il musaico per la lunga vita era più che tutte l’altre pitture stimato, se n’andò da Firenze a Vinezia, dove alcuni pittori greci lavoravano in S. Marco di musaico, e con essi pigliando dimestichezza, con preghi, con danari e con promesse, operò di maniera che a Firenze condusse maestro Apollonio pittore greco, il quale gl’insegnò a cuocere i vetri del musaico e far lo stucco per commetterlo, et in sua compagnia lavorò nella tribuna di S. Giovanni la parte di sopra dove sono le Potestà, i Troni e le Dominazioni: nel qual luogo poi Andrea fatto più dotto, fece, come si dirà di sotto, il Cristo che è sopra la banda della capella maggiore. Ma avendo fatto menzione di S. Giovanni, non passerò con silenzio che quel tempio antico è tutto di fuori e di dentro lavorato di marmi d’opera corinta, e che egli è non pure in tutte le sue parti misurato e condotto perfettamente, e con tutte le sue proporzioni, ma benissimo ornato di porte e di finestre, et accompagnato da due colonne di granito per faccia di braccia undici l’una, per fare i tre vani, sopra i quali sono gl’architravi che posano in su le dette colonne, per reggere tutta la machina della volta doppia; la quale è dagl’architetti moderni come cosa singolare lodata; e meritamente, perciò che ella ha mostrato il buono che già aveva in sé quell’arte a Filippo di ser Brunellesco, a Donatello, et agl’altri maestri di que’ tempi; i quali impararono l’arte col mezzo di quell’opera e della chiesa di S. Apostolo di Firenze; opera di tanta buona maniera che tira alla vera bontà antica, avendo, come si è detto di sopra, tutte le colonne di pezzi misurate e commesse con tanta diligenza, che si può molto imparare a considerarle in tutte le sue parti. Ma per tacere molte cose che della buona architettura di questa chiesa si potrebbono dire, dirò solamente che molto si diviò da questo segno e da questo buon modo di fare, quando si rifece di marmo la facciata della chiesa di S. Miniato sul Monte fuor di Firenze, per la conversione del beato S. Giovanni Gualberto cittadino di Firenze, e fondator della congregazione de’ monaci di Vall’Ombrosa: perché quella e molte altre opere che furono fatte poi, non furono punto in bontà a quelle dette somiglianti. Il che medesimamente avvenne nelle cose della scultura, perché tutte quelle che fecero in Italia i maestri di quell’età, come si è detto nel Proemio delle Vite, furono molto goffe, come si può vedere in molti luoghi, e particolarmente in Pistoia in S. Bartolomeo de’ Canonici regolari, dove in un pergamo fatto goffissimamente da Guido da Como, è il principio della vita di Gesù Cristo con queste parole fattevi dall’artefice medesimo l’anno 1199:

Sculptor laudatur, quod doctus in arte probatur, Guido de Como me cunctis carmine promo.

Ma per tornare al tempio di S. Giovanni, lasciando di raccontare l’origine sua per essere stata scritta da Giovanni Villani e da altri scrittori, avendo già detto che da quel tempio s’ebbe la buona architettura che oggi è in uso, aggiugnerò che per quel che si vede, la tribuna fu fatta poi, e che al tempo che Alesso Baldovinetti dopo Lippo pittore fiorentino racconciò quel musaico, si vide ch’ell’era stata anticamente dipinta e dissegnata di rosso, e lavorata tutta sullo stucco. Andrea Tafi dunque e Apollonio greco fecero in quella tribuna per farlo di musaico uno spartimento, che stringendo da capo accanto alla lanterna, si veniva allargando insino sul piano della cornice di sotto, dividendo la parte più alta in cerchi di varie storie. Nel primo sono tutti i ministri et esecutori della volontà divina, cioè gli Angeli, gli Arcangeli, i Cherubini, i Serafini, le Potestati, i Troni, e le Dominazioni; nel secondo grado sono pur di musaico alla maniera greca le principali cose fatte da Dio, da che fece la luce insino al Diluvio; nel giro che è sotto questi, il quale viene allargando le otto facce di quella tribuna, sono tutti i fatti di Ioseffo e de’ suoi dodici fratelli. Seguitano poi sotto questi altri tanti vani della medesima grandezza che girano similmente inanzi, nei quali è pur di musaico la vita di Gesù Cristo, da che fu concetto nel ventre di Maria insino all’Ascensione in cielo; poi ripigliando il medesimo ordine, sotto i tre fregi è la vita di S. Giovanni Battista, cominciando dall’apparizione dell’Angelo a Zaccheria sacerdote, insino alla decollazione e sepoltura che gli danno i suoi discepoli; le quali tutte cose essendo goffe senza disegno e senza arte, e non avendo in sé altro che la maniera greca di que’ tempi, io non lodo semplicemente, ma sì bene [ho] avuto rispetto al modo di fare di quell’età e all’imperfetto che allora aveva l’arte della pittura: senza che il lavoro è saldo, e sono i pezzi del musaico molto bene commessi; insomma il fine di quell’opera è molto migliore, o, per dir meglio, manco cattivo che non è il principio; sebbene il tutto, rispetto alle cose d’oggi, muove più tosto a riso che a piacer o maraviglia. Andrea finalmente fece con molta sua lode da per sé e senza l’aiuto d’Apollonio, nella detta tribuna sopra la banda della capella maggiore, il Cristo che ancor oggi vi si vede, di braccia sette. Per le quali opere famoso per tutta l’Italia divenuto, e nella patria sua eccellente reputato, meritò d’essere onorato e premiato largamente. Fu veramente felicità grandissima quella d’Andrea, nascer in tempo che goffamente operandosi, si stimasse assai quello che pochissimo o più tosto nulla stimare si doveva. La qual cosa medesima avvenne a fra Jacopo da Turrita dell’ordine di S. Francesco, perché avendo fatto l’opere di musaico che sono nella scarsella dopo l’altare di detto S. Giovanni, nonostante che fussero poco lodevoli, ne fu con premii straordinarii remunerato, e poi come eccellente maestro condotto a Roma, dove lavorò alcune cose nella capella dell’altar maggiore di S. Giovanni Laterano, e in quella di S. Maria Maggiore. Poi, condotto a Pisa, fece nella tribuna principale del Duomo colla medesima maniera che aveva fatto l’altre cose sue, aiutato nondimeno da Andrea Tafi e da Gaddo Gaddi, gl’Evangelisti et altre cose che vi sono, le quali poi furono finite da Vicino, avendole egli lasciate poco meno che imperfette del tutto. Furono dunque in pregio per qualche tempo l’opere di costoro: ma poi che l’opere di Giotto furono, come si dirà al luogo suo, poste in paragone di quelle d’Andrea, di Cimabue e degl’altri, conobbero i popoli in parte la perfezione dell’arte, vedendo la differenza ch’era dalla maniera prima di Cimabue a quella di Giotto nelle figure degl’uni e degl’altri, et in quelle che fecero i discepoli et immitatori loro. Dal qual principio cercando di mano in mano gl’altri di seguire l’orme de’ maestri migliori, e sopravanzando l’un l’altro felicemente più l’un giorno che l’altro, da tanta bassezza sono state queste arti al colpo della loro perfezzione, come si vede, inalzate. Visse Andrea anni ottantuno, e morì innanzi a Cimabue nel 1294. E per la reputazione e onore che si guadagnò col musaico, per averlo egli prima d’ogni altro arrecato et insegnato agl’uomini di Toscana in miglior maniera, fu cagione che Gaddo Gaddi, Giotto e gl’altri fecero poi l’eccellentissime opere di quel magisterio, che hanno acquistato loro fama e nome perpetuo. Non mancò chi dopo la morte d’Andrea lo magnificasse con questa iscrizzione:

Qui giace Andrea, ch’opre leggiadre e belle fece in tutta Toscana, et ora è ito a far vago lo regno delle stelle.

Fu discepolo d’Andrea Buonamico Buffalmacco, che gli fece, essendo giovanetto, molte burle, e il quale ebbe da lui il ritratto di papa Celestino IIII milanese, e quello d’Innocenzo Quarto, l’uno e l’altro de’ quali ritrasse poi nelle pitture sue che fece a Pisa in S. Paolo a ripa d’Arno. Fu discepolo, e forse figliuolo del medesimo, Antonio d’Andrea Tafi, il quale fu ragionevole dipintore; ma non ho potuto trovare alcun’opera di sua mano; solo si fa menzione di lui nel vecchio libro della Compagnia degli uomini del disegno. Merita dunque d’essere molto lodato fra gli antichi maestri Andrea Tafi, perciò che sebbene imparò i principii del musaico da coloro che egli condusse da Vinezia a Firenze, aggiunse nondimeno tanto di buono all’arte, commettendo i pezzi con molta diligenza insieme, e conducendo il lavoro piano come una tavola (il che è nel musaico di grandissima importanza), che egli aperse la via di far bene, oltre gl’altri, a Giotto, come si dirà nella vita sua; e non solo a Giotto, ma a tutti quelli che dopo a lui insino ai tempi nostri si sono in questa sorte di pittura essercitati. Onde si può con verità affermare, che quelle opere che oggi si fanno maravigliose di musaico in S. Marco di Vinezia et in altri luoghi, avessero da Andrea Tafi il loro primo principio.

FINE DELLA VITA D’ANDREA TAFI