Le odi e i frammenti (Pindaro)/Odi per Locri Epizefiria/Ode Olimpia XI

Ode Olimpia XI

../../Le odi siciliane/Ode Olimpia V ../Ode Olimpia X IncludiIntestazione 22 aprile 2022 100% Da definire

Pindaro - Le odi e i frammenti (518 a.C. / 438 a.C.)
Traduzione di Ettore Romagnoli (1927)
Ode Olimpia XI
Le odi siciliane - Ode Olimpia V Odi per Locri Epizefiria - Ode Olimpia X
[p. 169 modifica]

ODE OLIMPIA XI

[p. 171 modifica]
Odi di Pindaro (Romagnoli) I-0206a.png


Tanto questa quanto la olimpia X che segue, furono composte per una vittoria riportata nella gara pugile tra giovinetti da Agesidamo figlio d’Archestrato, di Locri epizefiria, nell’anno 476, il medesimo in cui vinsero Ierone e Terone, quello col cavallo da sella, questo con la quadriga. La olimpia X fu composta con un ritardo di cui il poeta, come vedremo, si scusa. Questa fu invece improvvisata: ed è semplicissima. Il poeta dice che le varie cose hanno varî bisogni: le navi del vento: la terra arida delle pioggie: le vittorie olimpiche del canto. Chi vince in Olimpia, è superiore all’invidia. Archestrato ha vinto, e Pindaro lo canterà. Canterà anche i Locresi: prode gente perché buon sangue non mente.

Odi di Pindaro (Romagnoli) I-0206b.png
[p. 173 modifica]
Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0060.png


PER AGESIDAMO DI LOCRI EPIZEFIRIA

VINCITORE NEL PUGILATO TRA FANCIULLI IN OLIMPIA


Strofe

Spesso utilissimi sono per gli uomini i venti;
spesso le pluvïe Ninfe del cielo,
figlie di nuvole;
ma se talun con travaglio compie opere egregie, conviene
ch’inni risuonino melliflui, principio
dei posteri vanti, e segnacoli fedeli dell’alte virtudi.


Antistrofe

Oltre ogni invidia fruisce chi vinse in Olimpia
tale compenso; e lo vuole il mio labbro
cupido pascere.
Dono è del Nume, se un uomo fiorisce per savio consiglio.
Sappilo, o figlio d’Archèstrato, adesso
mercè del trionfo che avesti nel pugile giuoco, o Agesídamo,


Epodo

celebrerò nel mio canto soave
l’aureo fregio d’olivo,
volta la mente ai Locresi

[p. 174 modifica]

d’Epizefiria. Qui, Muse, a banchetto
venite: ben io v’assicuro:
gente né d’ospiti ignara
né di finezze, ma saggia, ma prode alla guerra
qui troverete: che l’indole innata
mutare, né fulvida volpe
può mai, né rugghiante leone.


Odi di Pindaro (Romagnoli) II-0194.png