Adam di dolce pianto asperso e molle

Giuseppe Maria Ercolani

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Adam di dolce pianto asperso e molle Intestazione 11 gennaio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giuseppe Ercolani


[p. 158 modifica]

XXIV1


Adam di dolce pianto asperso e molle,
     Ed io, com’uom ch’alto prodigio vede,
     Miriam la Bella, ch’ogni Bella eccede,
     E nostra al sommo umìl Natura estolle:
5Nell’aureo crin ch’al Sol la gloria tolle,
     E ne’ begli occhi tal virtù possiede,
     Che trae dall’alto dell’empirea sede

[p. 159 modifica]

     Chi nascer senza il suo voler non volle2
Qual miracol é quel quando la speme
     10Pone in dubbio del Mondo, ed al materno
     Offerto onore isbigottisce e teme?
E qual dolcezza, ad onta dell’Inferno,
     Vederla in poi col suo gran Figlio insieme,
     E somigliarsi al Genitore eterno!


Note

  1. Per la stessa.
  2. S’allude, dice l’Autore, alla riflessione dell’Abbate Guerico: Noluit Deus sumere carnem ex ea, non dante ipsa.