Apri il menu principale

Wikisource:Libri/Agricoltura del Pianeta

Antonio Saltini

1975 A articoli/agricoltura Agricoltura del Pianeta Intestazione 26 dicembre 2013 75% Articoli

Agricoltura del PianetaModifica

 


VIAGGIO NEL CONTINENTE DEL MAIS

Agricoltura del Pianeta/I


Visita a quattro aziende americane dal Middle West all’East Coast. Negli Usa l’azienda media è un’azienda condotta da uno o due uomini con abbondanza di mezzi tecnici e grande semplicità di strutture. Alla coltivazione specializzata dei cereali si aggiunge generalmente l’allevamento bovino, e, in molte aziende, un secondo allevamento, suinicolo o avicolo.

tratto da: IL GIORNALE DI AGRICOLTURA, n. 1, 5 gennaio 1975



VIAGGIO NELLA GRAN BRETAGNA COMUNITARIA
Agricoltura del Pianeta/II


Aziende di grandi dimensioni nelle quali si mira, mediante produzioni estensive, a realizzare un reddito continuativo e sicuro, seppure non elevato. Aumentare il reddito significa, dati i rigori fiscali britannici, lavorare per il Fisco di Sua Maestà, e spogliare gli eredi di gran parte della proprietà al momento della successione. Appaiono palesi, rispetto alle antiche aziende patrizie, i vantaggi degli agricoltori di professione.

tratto da: TERRA E VITA n. 42, 23 ottobre 1976



UN GIORNO TRA GLI AGRUMETI SPAGNOLI
Agricoltura del Pianeta/III

Incontro, ad Algemesi, con il capo carismatico di una delle maggiori cooperative agrumarie della più antica area frutticola iberica

tratto da: TERRA E VITA n. 11, 18 marzo 1978



UN’AGRICOLTURA D’AVANGUARDIA NEL CUORE DEL PACIFICO
Agricoltura del Pianeta/IV

Esiste un nuovo mondo della zootecnia, gli Stati Uniti, culla dell'allevamento dei concentrati e dell'azoto. Ma esiste anche un'isola della zootecnia degli antipodi, dove gli animali vivono dell'erba cresciuta alla pioggia e al sole.

tratto da: TERRA E VITA n. 7, 19 febbraio 1983



RUSSIA, TROIKA SENZA GUIDA CHE CORRE ALL’IGNOTO
Agricoltura del Pianeta/V

Mentre a Mosca Governo e Parlamento dispongono la nascita di un'agricoltura fondata sull'azienda privata, nel granaio della Federazione, la fertile steppa tra il Caspio e il Mar Nero, l'orologio è fermo ai tempi del collettivismo. I dirigenti e i duemila operai del colcos Sarajeva sono convinti che l'organismo entro il quale operano sia paradigma di funzionalità agraria, che nulla debba essere mutato.

tratto da: TERRA E VITA n. 12, 21 marzo 1992


Categoria:Saggi Categoria:Agricoltura