Traduzioni e riduzioni/Dall'Iliade/Il ritorno dei messi

../Fenice parla dell'infanzia di Achille

../Il leone e l'asino IncludiIntestazione 26 giugno 2020 75% Da definire

Dall'Iliade - Fenice parla dell'infanzia di Achille Dall'Iliade - Il leone e l'asino
[p. 13 modifica]


il ritorno dei messi

Quando poi furono nelle capanne del tiglio d’Atrèo,
ohi con i calici d’oro li accolsero in piedi gli Achei,
e chi di qua chi dì lì» lor facevano molle domande:
ma domandava per primo Agamennone, Capo di genti:
“Dimmi su, molto iodato Odisseo, gran vanto di noi:
vuole egli dunque difendere il fuoco nemico alle navi
o, no, rispose, e la collera ancora ha nell’anima grande?„
    E gli rispose a sua volta il tenace divino Odisseo:
“Figlio d’Atrèo, glorioso, Agamennone, Capo di genti,
so che colui non la vuole smorzare la collera, ch’anzi
più si riempie di furia, e te sdegna ed insieme i tuoi doni.
Dice che tu, tu, ci devi pensare tra mezzo i tuoi d’Argo,
come le navi e gli Achei tu li possa salvare; poi ch’esso,
m’ha minacciato ch’ai primo apparir dell’aurora, nel mare
esso trarrà le sue navi, fornite di ponti, ricurve.
Anzi anche gli altri ci disse che noi confortare dovremmo
a risalpar per le case, poiché inai non vedrete la presa
d’ilio la ripida, chè sopra lei Giove il vasto-tonante
ha la sua mano distesa, e ripreso hanno cuore le genti...„